Vetrina: vanterie

Vanitas_by_kalicothekat

La vetrina di questa rubrica presenta le migliori risposte dei lettori sull’argomento della settimana precedente. Il mio contributo è una citazione, presa da uno dei tanti manuali di etichetta. Valuterai tu se la sentenza citata getta una luce che avvia a una soluzione o spinge invece verso un conformismo cieco.
Non è necessario partecipare ogni settimana, ma a Natale i lettori più brillanti e costanti riceveranno in dono un libro offerto dalla redazione di daParte. Quindi, scrivetemi!
(Cliccate sulle linguette delle schede per proseguire. Nell’immagine: un «aggiornamento» di Kalico the Kat della vanità raffigurata nel
San Girolamo di Caravaggio e in millanta altri dipinti).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Citazioni

La cortesia pare essere una certa cura, nei modi delle nostre parole e azioni, per far sì che gli altri rimangano contenti di noi e di loro stessi.
Il gran segreto è quello di tendere a far sempre la cosa giusta [vedi parole chiave, in proposito].

(tradotto da The Lady’s Book of Manners)

Vetrina

Francesca Taddei
Eh, no. È vero che alla presenza di altri è scortese correggere quello che dice una persona; ma non quando questa si mette a fare la lezioncina, e pure a sproposito!
Senza calcare troppo la mano, Mario correggerà la pseudo-saccente che dice una fesseria. Basta farlo con una certa leggerezza, con toni pacati e possibilmente attaccando al proprio intervento qualcosa che serva a sviare il discorso su un altro argomento.
Tipo: «No, guarda, non era il tal anno (o il tal nome, o la tal teoria, ecc…) ma questo. Però via, non stiamo a parlare anche la sera di queste cose che studiamo tutto il giorno! Piuttosto, avete visto l’ultimo film (o letto l’ultimo libro… o anche solo mangiato una fetta dell’ottima torta)?».
Molto probabilmente ai presenti non parrà vero di essere salvati dalla lezioncina e di poter parlare di qualcosa di diverso; e anche ad Anna, se è intelligente, converrà seguire il nuovo discorso, piuttosto che confrontarsi con qualcuno che evidentemente ne sa più di lei.

Elena Trabaudi
Prima di dedicarsi al buffet, trovo che Mario dovrebbe sfoderare una di quelle frasi da Donna Letizia: frasi che, salvando le apparenze e l’aplomb di chi le pronuncia, in realtà seppelliscono nel ridicolo gli arroganti (nel senso di chi si arroga una cultura che non ha).
A me non ne viene in mente una, ma per uno studioso quale egli è non sarà difficile dire, per esempio, che secondo lui il tale scrittore intendeva tutto il contrario. Scommetto che, di fronte a questa frase, Anna si precipiterà a dire: «Sì, certo, infatti anch’io la penso così…».
Forse parte dell’uditorio continuerà a guardare Anna con occhi languidi, ma sarà solo per le sue curve.

Lodovico Re
Il professore, saggiamente e con la sicurezza interiore della sua superiorità, si ricordò  del dantesco «non ti curar di loro, ma guarda e passa» e puntò diritto sulle tartine ed un rabbocco di spumante. Ma non seppe neppure lui come mai non gli riuscì e si fermò a raccontare una barzelletta che aveva sentito pochi giorni prima. «Un vecchio fisico ed un vecchio scrittore si incontrano nel salone di una casa di riposo per anziani scrittori  ed anziani fisici. Il vecchio fisico dice al vecchio scrittore: “Io da giovane ho scoperto una particella piccola così!”, e fa il gesto con pollice e dito indice uniti per sottolinearne la piccolezza. “E io allora?”, dice il vecchio scrittore, “ho scritto un libro grande così”, e spalanca le braccia».

Rosa
Anna  parlava e il professore restava sempre più ammirato: e tanto più Anna le sparava grosse quanto più il professore si invaghiva di quella creatura così stupidamente coraggiosa. Proprio lui che mai avrebbe detto nulla che non fosse controllato e ricontrollato: non gli sembrava vero di assistere a tanta sfrenata libertà. Corse a casa e distrusse il manoscritto che stava per spedire ad una rivista e lo riscrisse da capo in modo molto più fantasioso… Anna, la sua Musa, col tempo imparò a aver meno paura di studiare. Un amico di lui, professore di russo,  li chiamava Il Maestro e Margherita.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *