Vetrina: magia rubata

Burne-Jones_The_Beguiling_of_Merlin

La vetrina di questa rubrica presenta le migliori risposte dei lettori sull’argomento della settimana precedente. Il mio contributo è il finale della storia scritto da me, esattamente come per i lettori.
Non è necessario partecipare ogni settimana, ma alla fine dell’anno «scolastico» i lettori più brillanti e costanti riceveranno in dono un libro offerto dalla redazione di daParte, come di consueto. Quindi, scrivetemi!
(Cliccate sulle linguette delle schede per proseguire. Nell’immagine,
Merlino ingannato di Edward Burne-Jones).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Finale

L’anno successivo è indetta una nuova gara d’appalto. I membri dell’equipe si consultano tra loro, alle spalle di Valerio, e decidono di partecipare, ma senza di lui, tanto ora sono diventati anche loro esperti delle procedure da seguire.
Valerio rimane escluso.

Vetrina

ELENA TRABAUDI
Ma nel team tanto affiatato, un ragazzo ambizioso comincia a scalpitare. Durante la pausa-pranzo si rivolge con nonchalance alla ragazza più agguerrita del gruppo, comincia col lamentarsi di alcuni difettucci di Valerio, tasta il terreno e, trovandolo favorevole, le fa la proposta di presentare alla prossima occasione un progetto “loro”, tagliando fuori l’amico e maestro.
Non si sa quale sarà l’esito: qualcuno di sicuro si accoderà ai ribelli, altri vivranno sui carboni ardenti nel dubbio su quale sia la soluzione migliore per loro, il carro del vincitore su cui saltare.
Forse al bando successivo verranno tutti scartati, sia i fedeli che gli infedeli, perché nel frattempo in regione si sarà accreditato un tipo che forse non è brillante, ma sicuramente ben ammanicato. E gli altri rimarranno con un palmo di naso.

 

FRANCESCA TADDEI
Nel gruppo c’è anche una bella fanciulla ultracivettuola, Viviana, che in poco tempo fa perdere la testa ai vari componenti dell’equipe, ma soprattutto rivolge mille moine a Valerio. Costui, lusingato da tante attenzioni, comincia a preferire la fanciulla agli altri, anche se validi come e più di lei. Nel giro di poco tempo Valerio le affida mansioni sempre più importanti e arriva a far firmare a lei, e non al gruppo, l’intero progetto di catalogazione.
Così, finito il lavoro, tutta l’equipe (Valerio compreso) viene ben presto dimenticata; mentre Viviana, che ha saputo lavorarsi ben bene anche alcuni esponenti della Regione, si ritrova ad essere, altrettanto presto, Direttrice Generale per la Valorizzazione dei Beni Culturali.

 

PAOLA
Valerio si rende presto conto che il lavoro svolto non è capito dai più.
Riunisce il gruppo, coeso nello spirito del progetto, e apre una discussione.
Insieme decidono che ognuno andrà in un’area del paese con due compiti principali.
Formare nuovi gruppi per il recupero e la catalogazione dei beni artistici e nel contempo avviare corsi per la comprensione del grande valore di questi beni.
Ogni 6 mesi si ritrovano per una settimana rigenerante.
Giorni di confronto, sostegno e progettazione.
Vale il nome del progetto.
Sono aperte le adesioni.
Dai, vieni…..

 

ROSA
Chanel, la vice di Valerio, un giorno in ufficio prende a scherzare con Valerio. Dice che ha sentito un bel gioco della serie “Con che animale vorresti essere rinchiuso in una gabbia? Un elefante, un serpente, una tigre, o un orangotango?”. “Che gioco cretino!” pensa Valerio tra sé e sé. Ma in men che non si dica, Chanel, una che sprizza seduzione da tutti i pori, prende Valerio, gli spiega che conviene la tigre, lo bacia sulla bocca, lo spinge in bagno e si chiude la porta dietro. Porta difettosa che non si apre più però… ed è sabato primo pomeriggio, i cellulari rimasti di là nella tasca della giacca e sul tavolo… e la telecamera di sicurezza interna che sicuramente li ha registrati mentre entravano insieme nei bagni.

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *