Vetrina: libellule

libellule

La vetrina di questa rubrica presenta la mia lettura dell’allegoria pubblicata la settimana precedente, seguita da una scelta di quelle inviate dai lettori. Non è necessario partecipare ogni settimana, ma a Natale i lettori più brillanti e costanti riceveranno in dono un libro offerto dalla redazione di daParte. Quindi, scrivetemi!
(Cliccate sulle linguette delle schede per proseguire).

Lettura

L’evoluzione   della libellula, fatta di continue mute fino a un cambiamento radicale, il volo, può essere rassomigliata alla vita umana. Anche se il piccolo di uomo è più simile all’adulto di quanto non lo sia la larva acquatica rispetto a una libellula in volo, anche l’uomo ha le sue «mute», seppure figurate. Anzi, maggiore è il numero di «mute», di evoluzioni verso uno stato esistenziale superiore, più ricco e maturo sarà l’adulto.
Ti sarà capitato dopo un’esperienza forte quale un lungo viaggio, un nuovo corso di studi, un amore coinvolgente, di scoprirti con gusti diversi. Amici, passatempi, addirittura il cibo che si amavano un tempo ora non ci appassionano più e si sente che non c’è ritorno, come la libellula dopo una muta non può tornare a infilarsi nel tegumento da cui è uscita.
Alcuni aspetti permangono, come la libellula si ciba di insetti sia da larva acquatica che da adulta, ma bisogna rassegnarsi al mutare di altri ed anche gioirne. Infatti, a differenza della libellula, che si evolve con ritmo naturale verso la vita adulta, l’uomo ha la facoltà di frenare la propria evoluzione interiore, ma non ne ricava grande profitto.

Vetrina

Elena Trabaudi, Le età della vita
Nell’arco della vita anche noi operiamo mutazioni, e per di più non sempre alla fine voliamo nel libero cielo. Quando siamo larve, tutto è ancora possibile; e infatti sogniamo grandi cose, ci proiettiamo col pensiero in un futuro tutto rosa anche se al momento nebuloso. Poi iniziano le trasformazioni, fisiche e psichiche; e il ventaglio delle possibilità, prima immenso, si restringe via via. Ci specializziamo sempre più, finché entriamo in un imbuto dal quale sarà difficile uscire: il destino è segnato.  A complicare tutto ciò ci si mette pure l’amore. Come la libellula, dopo tutte le mutazioni o anche prima, troviamo colui o colei a cui legarci; facciamo figli e spiccare il volo diventa sempre più difficile. A volte però ci riusciamo in un’età diversa, ed è per noi un gran successo.

Lodovico Re
La libellula trasporta i nostri sogni infantili riflessi nei suoi occhi, passando nel sole dei pomeriggi   estivi, volando in un haiku.

Francesca Taddei
Tutti noi, come la libellula, passiamo attraverso varie mute o metamorfosi durante la nostra vita. A volte cambiamo impercettibilmente, a volte invece in maniera radicale e magari non ci ricordiamo neanche come eravamo all’inizio. Ci sono però anche persone che rimangono abbastanza immutate, nonostante le varie esperienze della vita, come se non ne fossero neanche scalfite. Può darsi che in realtà siano cambiate all’interno, in modo non visibile dagli altri, oppure può darsi che siano dei casi di larve perenni!!

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *