Trento. 3. San Simonino

Il giorno di Pasqua del 1475 a Trento un fanciullo di due anni e mezzo, Simonino, venne trovato morto accanto a una roggia. Nei pressi v’era una casa abitata da una piccola comunità di ebrei. Nel clima di forte antisemitismo dell’epoca fu facile accusare questi ebrei di aver compiuto un omicidio rituale del bambino per ottenerne il sangue. In un lungo processo i malcapitati furono dapprima torturati e poi uccisi.
Il culto di Simonino ebbe ampia diffusione e solo dopo mezzo millennio la Chiesa di Trento riconobbe la grande ingiustizia di cui si era macchiata. Nel 1965 il nome di Simonino e la sua festa vennero tolti dal Martirologio Romano.
Il bassorilievo che ho fotografato è un’opera del Settecento che decora la facciata di Palazzo Salvadori nel centro di Trento.

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *