Si scota Albione / Let England shake

corvinglesi

(Traduzione curata da Mastro Giulio di Let England shake di PJ Harvey – cliccare sul titolo per il testo originale)

Questa lirica sembra dapprima un canto di orgoglio patriottico, ma nel prosieguo essa rivela uno sguardo sensibile all’aspetto quotidiano e umano delle grandi crisi storiche, rivolto dalla poetessa alla sua patria perché il poeta deve agire nel proprio contesto; e nel finale evoca una sorta di bucolica età dell’oro che poco ha a che fare con le conquiste militari e nella quale il simbolo della pietra che cade nel lago sembra richiamare il “pondo” del verso 3 esprimendo l’auspicio che la sua sparizione permetta il nuovo trionfar di un’età innocente e vitale.

SI SCOTA ALBIONE

Lo nostro mondo, ch’a l’occaso[1] è volto,
iace addormito: si scota ora Albione!
Pondo[2] l’opprime di morta legione
silente, ed il mio timore è dimolto

che più non risorga nostra semenza:
fuiro[3] i dì d’Albion festosi e lieti.
In cotesti[4], rincasi e a me ripeti,
Berto[5], ch’omai trionfò l’indifferenza.

Ma che sorriso t’illumini l’ore[6]
amabil! Li tuoi guai qual masserizie
raccatta ora ed andiam, sortimo fore[7],
tuffiamci dentro l’acque sorgentizie

de la fonte di morte, e lì natiamo[8]
avanti e indre’, con bucca in riso lieta
sinché non cessa il dì, e d’uccellli il ramo
s’en tace, e la selva giuso[9] s’inquieta

del corteggiarsi di parve[10] bestiole,
e sinché su le dolci ripe e amene
de lo specchio d’acqua lacustre avviene
che cadan massi di possente mole.

______
[1] Tramonto; il mondo occidentale. [2] Peso. [3] Fuggirono. [4] Questi. [5] Forse si tratta di Berto Rene, uomo che ebbe a combattere contro Albione per l’indipendenza di codella parte della sua terra natale ancora sotto il giogo appunto albionico. [6] La bocca. [7] Fuori. [8] Nuotiamo. [9] Giù. [10] Piccole, ossia insetti.

Musica

Parole foreste
LET ENGLAND SHAKE

The West’s asleep
Let England shake
Weighted down with silent dead
I fear our blood won’t rise again, won’t rise again

England’s dancing days are done
Another day, Bobby, for you to come home
Home and tell me indifference
Is won, won, won

Smile, smile Bobby, with your lovely mouth
Pack up your troubles, and let’s head out
To the fountain of death and splash about, Swim back and forth, back, back
And laugh out loud

Until the day is ending
And the birds are silent
And the insects are courting
And by the shores
Heavy stones are falling

Smile, smile Bobby, with your lovely mouth
Pack up your troubles, and let’s head out
To the fountain of death and splash about, Swim back, forth, back, back
And laugh out loud

Proponi la tua rima petrosa (dopo aver consultato le liste)
Mastro Giulio e visita il suo sito

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'n'roll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *