Si giudica un negozio dalla copertina

venditacappotti

Non so se la storia sia vera, la riporto come l’ho trovata. Nel 1936 il proprietario di un negozio di abbigliamento di Copenaghen, in Danimarca, si ritrovò per varie ragioni sommerso di soprabiti: molti di più di quelli che avrebbe potuto esporre in negozio. Decise allora di adottare un nuovo sistema espositivo: fece erigere un’impalcatura tutto intorno all’edificio (evidentemente non aveva proprio una botteguccia), e ricoprì le facciate del palazzo di soprabiti. A quanto pare la trovata funzionò: si radunò una folla tale che la polizia dovette ordinare all’uomo di smontare l’esposizione, ma l’uomo vendette tutti i soprabiti. Probabilmente è facile verificare in rete se la storia è vera o falsa, e chi sia eventualmente il proprietario del negozio: tuttavia oggi è San Chissene, e lo santifico.

(Via Vintage photo).

Aggiornamento del 6 luglio: la storia è falsa. Con un arditissimo lavoro di indagine (ho letto il nome del negozio sulla foto e l’ho cercato in rete) ho trovato qui, sul sito della Troelstrup, un racconto affatto diverso.
Il palazzo dell’immagine si trova al 5 Vester Voldgade di Copenaghen (oggi ancora si trova qui il botteguccione Troelstrup), e il comune aveva deciso che il palazzo andasse abbattuto: il proprietario dell’immobile, Christian (appunto) Troelstrup decise di salutare a modo suo l’edificio, ricoprendolo di soprabiti per tutti e cinque i piani. L’immagine, scattatta da un fotografo Usamericano di passaggio, fu pubblicata su vari quotidiani e sul «National Geographic» nel 1940, e ogni tanto riciccia.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *