Se Corradino ci insegna qualcosa

frankenstein-junior

[Rammento, di sfuggita, che Mineo alle primarie del Pd aveva votato per Civati e all’elezione del presidente della Repubblica per Rodotà: potete immaginare da queste due scelte l’amore di Renzi per Corradino].

Di Corradino Mineo ne parlo tardi essenzialmente perché non gli ho mai perdonato l’abbandono di Rainews, che, diciamocelo, era il lavoro suo, ma, diciamocelo, la personalità in Rai non è che abbia mai pagato e ora l’hanno sostituito con il carrello dei bolliti. E senza salsa verde.
L’hanno silurato come uno sciònconneri qualsiasi in caccia a ottobre rosso, ma se Corradino ci insegna qualcosa, ci insegna ad accettare i nostri fallimenti, come i nostri successi, con calma, dignità e classe (cit.).

Insomma basta. Quello che ho detto, e mi rammarico di averlo detto, non giustifica il fiume di insulti che il Premier mi ha scagliato addosso. Sono io ora a dirgli: vergogna! Per stravincere, hai scatenato una canea urlante, che pretende sia l’obbedienza che il sangue dei vinti. Qualcosa, caro Renzi, che somiglia da vicino alle tricoteuses sguinzagliate in rete da Casaleggio. Che ingannano il tempo all’ombra della ghigliottina in attesa di veder rotolare le teste. (*)

Civati ci va più di fino e fa notare che Zanda tempo fa fece un pippione a Schifani per una sostituzione di senatore in commissione, che sì, era un po’ diversa, ma no, mica troppo
(pare che le regole d’ingaggio sul silurare partecipanti alle commissioni si prestino a molteplici interpretazioni, anche da parte della stessa persona).
Pure al netto di alcune ingenuità macroscopiche (i commenti a caldo di Mineo hanno il tatto di un bernese epilettico e il peso politico di Civati nel PD si sta avvicinando a quello di Repetto con gli 883 nel 1994) la vicenda resta un poco inquietante soprattutto per la quantità di «gli elettori lo vogliono» tirati in ballo che è sempre indice di qualità sopraffina.

Autolesionistra
Visitate il suo sito

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *