Quello dell’appartamento collettivo per androgini ritardati metalmeccanici

androgeniritardatimetalmeccanici

Piccoli Nemo e Piccoli Ego, siamo fatti della stessa materia dei sogni, e la Luna può ancora esser fatta di formaggio. E di questi sogni, alcuni, uno, eccolo:

Io con due tra i miei più cari amici, uno dei quali è con la sua ragazza Sara, viviamo in un appartamento collettivo.

Casa hollywoodiana

È una casa molto hollywoodiana, con giardino annesso, un po’ bizzarra. S(embr)iamo felici, molto, disoccupati, spensierati… passiamo tutto il tempo a parlare di filosofia, musica e cinema, amico 1 e Sara trombano come ricci tutto il tempo, beviamo birra, vino, vodka, rhum e alcolici vari e fumiamo canne dalla mattina alla sera, siamo disoccupati ma i soldi ce li abbiamo lo stesso.
Un giorno, tutti e quattro andiamo in bagno allo stesso tempo e facciamo i turni per andare a farci la doccia. Quando tutti l’hanno fatta, ci mettiamo davanti allo specchio ad asciugarci con asciugamani bianchi. Non vediamo i rispettivi organi sessuali, coperti anch’essi da asciugamani, ci asciughiamo solo i capelli. Quando io e amico 2 notiamo una cosa strana e inquietante: Sara e amico 1 sono diventati una cosa sola, sono biologicamente attaccati, e si asciugano i capelli allo stesso tempo, con le stesse mosse, sostituendosi le teste a vicenda, tant’è che ora sono un essere vivente unico. Ci guardiamo tutti allo specchio allo stesso tempo a quel punto, un pizzico sconcertati. È amico 1 a rompere il silenzio «Forse abbiamo esagerato».

Quella Cosa

Appare dal nulla mio cugino, che si siede nel nostro giardino. Io, ora vestito, lo raggiungo, e con lui osservo un mio terzo conoscente e Gesù Cristo in persona condurre una manifestazione di uomini ritardati e down che sembrano voler raggiungere Quella Cosa, una reliquia che si trova in cima ad una statua su di un colle non lontano. Io e Francesco li guardiamo con sguardo critico, e successivamente dico questa frase in inglese: «I’m gonna swear the tits outta them» («Bestemmierò le tette fuori da loro»), al che mio cugino comincia a ridere così tanto che la sua testa (letteralmente) esplode.

7isLS, sogno del 26 ottobre 2012

Vuoi veder pubblicato il tuo sogno? Scrivi qui. E l’immagine è, innaturalmente, di Rudi Giger, cui prima o poi bisognerà dedicare un par di gallerie.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *