Quello degli aborti esplosivi

esplosione

Piccoli Nemo e Piccoli Ego, siamo fatti della stessa materia dei sogni, e la Luna può ancora esser fatta di formaggio. E di questi sogni, alcuni, uno, eccolo:

In questo sogno io non sono presente come personaggio, e anzi tutto ciò che succede io lo vedo come attraverso una telecamera della sicurezza rovinata, un po’ come Paranormal activity. Vedo una ragazza con cui io, per un certo periodo della mia vita, ho avuto un rapporto molto, molto stretto, anche senza entrare nei particolari… anche se non è proprio fisicamente apparente come è nella realtà… è molto più alta, e quasi muscolosa. Insieme a lei ci sono delle sue amiche (non ispirate alla realtà, visto che non conosco molte sue amiche), anche loro dall’apparenza bizzarra: una è ricoperta di tumori che le deformano l’intera forma, una non ha un braccio ed una gamba e zoppica, infine una è incredibilmente bassa ma ha una fronte talmente alta che occupa metà del suo corpo.
Sono molto felici nonostante le loro deformazioni e bevono birra e tirano cocaina per festeggiare la buona riuscita dei loro corrispettivi aborti, che sono andati benissimo, senza troppi effetti collaterali sulla formazione cellulare, e per discuterne fanno riferimenti in particolare ad una loro conoscente che dopo una simile operazione è finita senza tutti gli arti e con capezzoli a forma fallica.
All’ultimo cincin, i quattro esseri («umani» non è necessario, per la situazione) esplodono. Appare una scritta, Fin, e il nastro si riavvolge. Se può interessare, giusto pochissimi giorni fa ho scoperto che poi in una maniera o nell’altra l’aborto è stato compiuto. Senza molti effetti collaterali. Credo.

7isLS, sogno del 23 ottobre 2012

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *