Pulzella, vo’ lassarte / Babe, I’m gonna leave you

pulzella_vattenne

(Traduzione curata da Mastro Giulio di Babe, I’m gonna leave you dei Led Zeppelin – cliccare sul titolo per il testo originale o sulla linguetta Parole foreste. Imago: Junjaphotos)

Doloroso carme nel quale il poeta si rivela diviso tra l’amore che prova per la fanciulla cui si rivolge e il richiamo la casa avita da parte di una forza misteriosa non specificata: storia di lacerazione tra amore e dovere, dove quest’ultimo assume connotazione inquietante nel suo essere qualcosa di più che una semplice regola morale o un dovere classico.

Parole

PULZELLA, VO’ LASSARTE.

Fanciulla, vo’ lassarte[1],
lasserotti, pulzella,
quando l’estate bella
al passo giugnerà.

Pulzel, dico sincero:
lassarte i’ non vorrìa,
ma ahimè deggio[2] andar via.
Lasso[3]! Ivi non sarò.

Ché sento che m’appella,
ch’al focolar me clama
e ch’io rincasi brama[4]
come faceva un dì.

Ben so, non lasserotti;
ma mistier[5] m’è fuggire,
lunge d’ivi m’en ire[6]:
lassarti vo’, perciò.

Odi? M’appella ognora;
e avvegna[7] ch’io ora sia
lieto per compagnia
tua, che rinovellò[8];

e so che un dì maiore
andrà a farsi cotesta
nostra istoria: in foresta
andremcene ogni dì.

Lo dico col mio core:
passeggerem cotidie[9]
lenendo le mie accidie;
ma lasso! Amor, i’ andrò.

Fanciulla, se’ sublime,
è sommo il tuo dolzore[10]
e faceasi maiore
cotesto nostro amor;

tu mi rendea felice
que’ dì di nubi bigi
ma d’esse’ ai lari ligi[11]
me dice il focolar

che ‘n tal guisa m’appella:
addio, dunque, pulzella.

**********

[1] Lasciarti. “Lasserotti”= ti lascerò. [2] Devo. [3] Esclamazione di dolore. [4] Il soggetto di questo verbo e dei due precedenti non è espresso: il poeta parla di un qualcosa che lo richiama a casa. [5] “Mistieri m’è”= “sono costretto a”. [6] Andarmene lontano da qui. [7] Benché. [8] Si rinnovò: ci siamo visti, frequentati di nuovo. [9] Ogni giorno. [10] Dolcezza. [11] Onorare la propria casa e la propria famiglia.

Musica

Parole foreste

BABE I’M GONNA LEAVE YOU

Babe, baby, baby, I’m gonna leave you
I said baby, you know I’m gonna leave you
I’m leave you in the summertime
Leave you when the summer comes a-rollin’
Leave you when the summer comes along

Babe, babe, babe, babe, babe, babe, baby, mmm, baby, I don’t wanna leave you
I ain’t jokin’ woman, I got to ramble
Oh, yeah, baby, babe, babe, I believin’
We really got to ramble
I can hear it callin’ me the way it used to do, mmm
I can hear it callin’ me back home, oh-oo-oh

Babe, oh, babe, I’m gonna leave you
Oh, baby, you know, I’ve really got to leave you
Oh I can hear it callin’ me
I said don’t you hear it callin’ me the way it used to do
Ohhhhhhh

I know, I know
I know I never never never never never gonna leave you babe
But I got to go away from this place
I’ve got to quit you, yeah
Ooh, baby, baby, baby, baby, baby, baby, baby, ooooh
Oh, don’t you hear it callin’ me

Oh, woman, woman, I know, I know
It feels good to have you back again
And I know that one day baby, it’s really gonna grow, yes it is
We gonna go walkin’ through the park every day
Come what may, every day
Ohhh, mama, baba, mama babe
I’m gonna leave you, go away, ohh oh oh

It was good, sweet baby
It was really, really good
You made me happy every single day
But now I’ve got to go away, ohh, ohh ohh

Baby, baby, baby
That’s when it’s callin’ me
I said that’s when it’s callin’ me back home

Proponi la tua rima petrosa (dopo aver consultato le liste)
Mastro Giulio e visita il suo sito

 

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'nroll, li fusi.
Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *