Per recarti il mio amor / To bring you my love

recartamore

(Traduzione a cura di Mastro Giulio di To bring you my love, di PJ Harvey – cliccare sul titolo per il testo originale)

Altra lirica che corre sul confine tra amor terreno ed amor sacro o, nella fattispecie, amor dannato. Trattasi della prima rima petrosa cantabile sulla musica originale. Prometto che non ve ne saranno altre, o in caso pochissime.

PER RECARTI IL MIO AMOR

Nacqui in arida plaga,
lunge a terra strisciai;
Cristo a me s’appropinqua,
sia tempo temo ormai.

Vagai in terre combuste
e le fradice ancor:
lo ninferno e li abissi
per recarti il mio amor.

Intrapresi erte vette,
in su ‘l pelago errai:
for dal cielo reietta,
ginocchion tra alti lai.

Con Lucifer mi giacqui,
sacrilessi il Signor
e l’intier paraiso
per recarti il mio amor

I’ so ch’ei fia quivi,
tu ‘l sa, giunge quivi.

Nominai il ciel suso
molto invano e il Signor,
con Lucifer mi giacqui
per recarti il mio amor.

 

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'nroll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *