Peppino Impastato e Felicia Impastato

peppinoimpastato

Oggi in pochi hanno ricordato Aldo Moro, restituito morto un 9 maggio di tanti anni fa (perché adesso la compromissione si è sostituita al compromesso, e la si chiama pacificazione – almeno, così la si chiama dalla parte che sta contro i cittadini); perché un conto è -ieri- fare le cose insieme per la nazione e un conto è -adesso- fare le cose insieme per mantenere il potere. E oggi, oggi: Falcone e Borsellino, certo.
Tuttavia a me la storia di Peppino Impastato, figlio di un mafioso, che alla mafia si ribellò e dalla mafia fu ucciso scomparsa la protezione, anche se involontaria, del padre; e la lotta della madre per togliere dal figlio l’ombra del terrorismo cucitagli addosso dalla mafia, consegnarlo irrevocabilmente alla parte migliore del mondo e far punire i colpevoli della sua morte: ecco, tutto questo umanamente mi colpisce di più. Ho trovato in rete (via Mary Jungle; poi grazie a lol – Ct nel cuore ho trovato la citazione completa) queste parole di sua madre:

Chistu unn’è me figghiu. // Questo non è mio figlio.
Chisti un su li so manu // Queste non sono le sue mani.
chista unn’è la so facci. // Questa non è il suo viso.
Sti quattro pizzudda di carni // Questi quattro pezzi di carne
un li fici iu. // non li ho fatti io.

Me fighhiu era la vuci // Mio figlio era la voce,
chi gridava ’nta chiazza // che gridava nella piazza,
eru lu rasolu ammulatu // era il rasoio affilato
di lo so paroli // delle sue parole,
era la rabbia // era la rabbia,
era l’amuri // era l’amore
chi vulia nasciri // che voleva nascere,
chi vulia crisciri. // che voleva crescere.

Chistu era me figghiu // Questo era mio figlio
quannu era vivu, // quando era vivo,
quannu luttava cu tutti: // quando lottava contro tutti:
mafiusi, fascisti, // mafiosi, fascisti,
omini di panza // uomini di pancia
ca un vannu mancu un suordu // che non valgono neanche un soldo,
patri senza figghi // padri senza figli,
lupi senza pietà. // lupi senza pietà.

Parru cu iddu vivu // Parlo con lui vivo,
un sacciu parrari // non so parlare
cu li morti. // con i morti.
L’aspettu iornu e notti, // Lo aspetto giorno e notte,
ora si grapi la porta // ora si apre la porta
trasi, m’abbrazza, // entra, mi abbraccia,
lu chiamu, è nna so stanza // lo chiamo, è nella sua stanza
chi studìa, ora nesci, // che studia, ora esce,
ora torna, la facci // ora torna, la faccia
niura come la notti, // nera come la notte,
ma si ridi è lu suli // ma se ride è il sole
chi spunta pi la prima vota, // che spunta per la prima volta,
lu suli picciriddu. // il sole bambino.

Chistu unn’è me figghiu. // Questo non è mio figlio.
Stu tabbutu chinu // Questa bara piena
di pizzudda di carni // di pezzetti di carne
unn’è di Pippinu. // non è Peppino.

Cca dintra ci sunnu // Qua dentro ci sono
tutti li figghi // tutti i figli
chi un puottiru nasciri // che non sono potuti nascere
di n’autra Sicilia. // in un’altra Sicilia.

Felicia Impastato

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *