New York, il vecchio e il nuovo

arco BrooklynMOD_LIGHT

New York è davvero come viene sognata dagli emigranti prima di arrivarci, la Mecca di tutto, una sorta di riassunto del mondo. Ad esempio, l’arco trionfale che domina la piazza di Brooklyn su cui si affaccia la meravigliosa, enorme biblioteca del distretto, non ricorda forse la Parigi di Napoleone e l’arco della Pace di Milano?

in costruzioneMODLIGHT

Nella zona centrale di Times Square sono in corso grandi trasformazioni firmate da architetti di fama. Le gru al lavoro mi paiono dare un messaggio di evoluzione, della capacità di saper rinunciare al vecchio per il nuovo. Tra l’altro, mentre in alto i palazzi si avvicinano sempre più al cielo, sotto, sulla strada, è stato creato uno spazio pedonale che invita alla calma, a sedersi sulle sghembe panchine di marmo a respirare la città.

torre acquaMOD2nitidoLIGHT

E che dice la torre dell’acqua sopra una vecchia casa all’edificio che le sta di fronte? Che anche il vecchio con la sua cisterna può essere amato e conservato.

vecchio e nuovoMOD_LIGHT

Alcune città radono al suolo interi isolati per ricostruirli ex novo, altre conservano gelosamente ogni edificio per paura di perdere la propria identità. Non New York, che sembra avere un’evoluzione «biologica», simile a ciò che fa il corpo umano con le sue cellule: ogni giorno qualcosa nasce, qualcosa muore. Le cose succedono una alla volta e così gli edifici hanno il tempo di integrarsi e dialogare tra loro. Chi abita o lavora nel grattacielo di vetro vorrà partecipare dell’intensità della bassa casa in mattoni piena di insegne e negozi che le sta di fronte. La vita è come la natura, un po’ irregolare.

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *