Mutasse in nove ‘l sei / If 6 was 9

(Trad.di If 6 was 9 di Jimi Hendrix a cura di Mastro Giulio – cliccare sul titolo per il testo originale)

Ancora il fine dicitore Iacopin D’Endrigo, in orgogliosa rivendicazione di libertà, sia essa individuale che quella della “stirpe” del “popul fricco”, curiosa e variopinta congerie che, ai tempi del D’Endrigo, dette vita ad un composito movimento utopista per l’armonia dell’orbe.

Parole

MUTASSE IN NOVE ‘L SEI

Qualora Febo[1] celasse i suo’ rai
inver sarebbero scarsi i mie’ lai[2];
se il monte giù nel pelago[3] svanisce
faccia pur, non a me vita impedisce;
solo a mio seculo[4] presterò bada
né d’imitar voi mi cal[5] né m’aggrada.

Se ‘l sei mutasse in nove, o terra in cielo,
alma degombra[6] avrei di foco e gelo;
se suo crin recidesse il popul fricco[7],
tacciovi la novella ove mi ficco.
Di mia sola vita solo mi cale
ch’a vostra giammai vorrìa fosse uguale.

Di mente retri[8], e tristi di lavoro,
m’additan con fantocce dite[9] loro
e di mia stirpe auspicano ruina,
ma il fricco vessil la mia man sguaina.
Purché non su me, pur crollino i monti;
mercator, vesti[10] in scorno a mie confronti.

Sallo alcun mai quello di cui favello?
Una vita posseggo ed è sol mia:
vivrolla a guisa mia, ché nell’avello[11]
andrò io il giorno che dovrò andar via.

*****

[1] Apollo, cioè il sole. [2] Lamenti. [3] Mare. [4] Mondo. [5] “Mi cale”: mi interessa. [6] Libera, sgombra. [7] Soprannome di molti giovani che, ai tempi in cui l’autore scriveva il testo, predicavano costumi nuovi e più liberi. L’autore faceva parte di siffatto movimento, e infatti più avanti nel testo dice che di questo “populo” solleva “il vessillo” (tutto il carme ne celebra un po’ le idee). [8] Chiusi, retrivi. [9] Dita. [10] Sostantivo. La frase è da interpretarsi “Uomo che vive sol di traffici di vil pecunia, (tu) confronti le tue vesti alle mie (e ne hai) scorno, in quanto invidi le mie (vesti) e la libertà di cui son effigie”. [11] Nella tomba.

Musica

Parole foreste

IF 6 WAS 9

Yeah
Sing the song, bro

If the sun refused to shine
I don’t mind, I don’t mind (Yeah)
If the mountains fell in the sea
Let it be, it ain’t me (Alright)

Got my own world to look through and uh
And I ain’t gonna copy you

Yes, now if six turned out to be nine
I don’t mind, I don’t mind
If all the hippies cut off all their hair
I don’t care, I don’t care, dig

‘Cause I got my own world to live through and uh
And I ain’t gonna copy you

White collared conservative flashing down the street
Pointing their plastic finger at me, huh
They’re hoping soon my kind will drop and die
But I’m gonna wave my freak flag high, high, oh

Wave on, wave on

Fall mountains, just don’t fall on me
Go ahead on, Mr. Businessman, you can’t dress like me

Nobody know what I’m talking about
I got my own life to live
I’m the one that’s going to die when it’s time for me to die
So let me live my life the way I want to
There, sing on, brother
Play on, drummer

Proponi la tua rima petrosa a Mastro Giulio e visita il suo sito

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'nroll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *