Lo loco retruso / The hidden place

loco_retruso

(Traduzione curata da Mastro Giulio di The Hidden Place di Bjork – cliccare sul titolo per il testo originale)

Un tenero canto d’amore femmineo, abile ad esprimere tutta la tenerezza, la voglia di protezione, l’indole pudibonda proprie dello specifico muliebre più puro.

LO LOCO RETRUSO[1].

Fu per via de lo più tepido laccio
di sollecitudo ch’a me il tuo amor
è giunto; ma che farne non ben saccio[2],
né dove porlo sa intelletto ancor.

L’approssimarsi delle larme[3] accuso,
allor m’accingo quasi ad invocarti,
ché riuscire vorrìa ad ispirarti
meco a raggiunger lo loco retruso.

Già un poco pudibonda fui, ma vago
le nari pungemi or di speme odore:
ché un dì quelle dite[4] onde[5] il tatto appago
di far sfiorar quasi concessi onore

ma in prudenzia, com’è esta mia passione
celata, e ai guardi tengo l’amor chiuso:
porròllo[6] tra le coltri e con canzone
l’addormirò ne lo loco retruso.

Elli è lo più maravillioso e frale[7]
eppur vigoroso, cupo e divino;
e ascoso dietro al suo mover piccino
inventa incanto ch’a celarlo vale.

Tra ‘l crin s’asconde, e cheggio s’io pur posso
celarmi tra’ di lui cavei[8], là suso
badandovi[9] sollievo al mio cor scosso
e refugio in codel loco retruso.

***********

[1] Nascosto. [2] Forma meridionale italica per “so”. [3] Lacrime. [4] Dita. [5] Per mezzo delle quali. [6] Lo collocherò. [7] Meraviglioso e fragile. [8] Forma settentrionale italica per “capelli”. [9] Badare = cercare.

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'nroll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *