Le ciliegie parlano / Haruki Murakami, L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

incoloremurakami

Aka, Ao, Kuro, Shiro e Tazaki sono amici dai tempi del liceo ma per qualche motivo incomprensibile al protagonista (Tazaki) un giorno il gruppo si sfalda, e la colpa è sua. Al telefono  gli viene detto di non farsi più vedere né sentire, e per sedici anni Tazaki – l’unico a non possedere il nome di un colore – si porta dietro il peso di una colpa incompresa e incomprensibile. Finché, trentaseienne e in procinto di legarsi per la prima volta in vita sua ad una donna, si trova a fare i conti con quelle perdite, cercando le risposte che non ha mai trovato. Ripercorrendo le tappe di quelle amicizie perdute, Tazaki scoprirà di essere tutto tranne che incolore e avrà la possibilità di fare luce sui punti oscuri del suo passato.
Col suo nuovo romanzo L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio, Murakami Haruki non tradisce le aspettative dei suoi appassionati lettori: conserva al suo interno la stessa prosa trascinante e delicata, gli stessi echi mistici e lievemente sovrannaturali, capaci in questo caso, però, di farsi più rarefatti, al servizio di una storia che indaga molto sulla verità dell’animo umano.
Unica pecca il finale, che a mio avviso si conclude forse troppo sbrigativamente e che gli vale un punto in meno.
Quattro ciliegie cilieginacilieginacilieginaciliegina.

Le ciliegie parlano
è un progetto di Giorgia e Gaia
dedicato a Italo Calvino
e a Francesco De Gregori.

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *