L’auriga / The chauffeur

aurigabella

(Traduzione curata da Andrea “Valerio” Del Cantone di The chauffeur dei Duran Duran – cliccare sul titolo per il testo originale)
Una raffinata lirica amorosa nella quale il poeta cerca di snudare il rapporto tra maschera e realtà, ma anche le sfaccettature della servitù d’amore.

Parole
L’AURIGA.

D’in su le piane di bitume
sdruccioli [1] movonsi, tutti
novello loco cercando.
Voi affianco assisa, lume
di novo incanto, se flutti
di rugiose stille larmando
ite [2], brillate: e ‘l calore
parmi, lasso!, menar frigore [3].

E giuso cola il sole, rato [4]
ascoso dietro l’anteriore
del vestito vostro striato
d’ombra; et il destriero l’ore [5]
a tempo sona e freme, in pleno,
col core sott’al vostro seno.

Ben oltre, lungo il cammino
pro altro die l’api vivendo
sciamano ne la caligine
sparsa. Su nel celestino
nuoti, gabbian, dirigendo
verso occaso la vertigine [6],
a ‘n’isola vana [7]. Tienti
però tra’ rai madonna: senti? [8]

E giuso cola il sole, rato
ascoso dietro l’anteriore
del vestito vostro striato
d’ombra; et il destriero l’ore
a tempo sona e freme, in pleno,
col core sott’al vostro seno.
Cantate blu argento [9], ora, monna.
Canto argento blu, madonna.

Guatando or partirsi drudi [10],
rider vi vedo: che schegge
vitree son mai fitte [11] in coto [12]
vostro, sì che via le snudi
un motto mio? Farlo degge [13]
da’ rai vostri, dando scoto
alle bugie che covate…
O le rafforzeria? Vate! [14]

Ma guatrovvi [15] in vece, monna,
lassarme indietro et ancora:
cantate blu argento, ad hora;
canto argento blu, madonna.
Una maschera di tal sorta
più che colore e forma offre:
anteporreste [16] chi non soffre,
che nobil automa vi porta [17]?

E giuso cola il sole, rato
ascoso dietro l’anteriore
del vestito vostro striato
d’ombra; e il destriero l’ore
a tempo sona e freme, in pleno,
col core sott’al vostro seno.
Cantate blu argento, monna.
Canto argento blu, madonna.

____
[1] Sottinteso: cocchi, che sulle piane di bitume sdrucciolano come quello condotto dall’auriga del carme. [2] State lacrimando gocce rugiadose. Dal momento che sta seduto a fianco alla dama e non davanti, forse il suo ruolo d’auriga riguarda la loro vita insieme piuttosto che l’essere propriamente un conducente di cocchio. [3] “e ‘l calore… frigore”: le gocce di sudore sulla pelle della madonna, provocate dal calore, fanno sentire freddi brividi all’auriga innamorato, che se ne lamenta. [4] Rato: variante di ratto, vale “lestamente”. [5] “L’ore sona”: vale “batte il tempo”. [6] Vertigine: la discesa del volo. [7] Vana: vuota. [8] La libertà del gabbiano che nuota nel cielo è contrapposta alla cattura del volatile operata dallo sguardo della  donna. [9] Il cantare “blu argento” o “argento blu” pare riferirsi a un’antica formula magica udita nel conto di un trovatore da Simone Lo Buono (uno degli autori della composizione) durante la sua infanzia. Il blu e l’argento, come noto, sono colori magici, e simboleggiano non solo la notte e l’acqua che scorre, ma anche la nostalgia e l’energia vitale, il tempo perduto e il viaggio nel tempo, il blu e l’argento. [10] Drudi: amanti. [11] Fitte: confitte, conficcate. [12] Coto: cogito, pensiero. [13] Degge: deve (il motto dell’auriga). [14] L’auriga è nell’angoscia: meglio cercare di togliere la maschera alla monna o così facendo la perderebbe per sempre? Ci fosse un vate ad aiutarlo… [15] Vi guarderò. [16] Preferireste. [17] Porta: porti.

Musica

Parole foreste
THE CHAUFFEUR

Out on the tar plains, the glides are moving
All looking for a new place to drive
You sit beside me, so newly charming
Sweating dew drops glisten, freshing your side

And the sun drips down bedding heavy behind
The front of your dress all shadowy-lined
And the droning engine throbs in time
With your beating heart

Way down the lane away, living for another day
The aphids swarm up in the drifting haze
Swim seagull in the sky
Towards that hollow western isle
My envied lady holds you fast in her gaze

And the sun drips down bedding heavy behind
The front of your dress all shadowy-lined
And the droning engine throbs in time
With your beating heart

Sing blue silver

And watching lovers part, I feel you smiling
What glass splinters lie so deep in your mind
To tear out from your eyes
With a thought to stiffen brooding lies
And I’ll only watch you leave me further behind

And the sun drips down bedding heavy behind…

Sing blue silver

Proponi la tua rima petrosa (dopo aver consultato le liste)
a Mastro Giulio e visita il suo sito

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'n'roll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *