La vita in un guscio di noce

Questa breve animazione gira in rete sotto il titolo per anglofoni, ma intuibile, usato qui sopra; titolo che fotografa l’intenzione dell’autore (a me ignoto, la firma televandalist, un autore giffante, sull’omonimo sito non porta a nulla; io l’ho trovata qui): rappresentare cosa sia la vita in pochissimo spazio.
Che l’erba del vicino appaia sempre più verde è solo il sintomo di quanto l’umanità sia stupidamente schiava dei propri dettati biologici o è anche il motore del progresso compiuto da noi bipedi ignudi, dalle caverne alla rete?
Gola, lussuria, invidia e cupidigia mi sa che un po’ ci vogliono e un po’ sono nel nostro destino biologico.
Sebben:  se tutto il progresso fatto lo si abbandona sempre per tornare indietro (come il circolo vizioso delle animazioni giffanti insegna, qui più che altrove) non s’agguanta mai nulla, alla rincorsa di qualcosa che -come ogni orizzonte- è sempre più in là, poiché  il meglio è nemico del bene, e il peggio non è mai morto, e oggi a te e domani a lui, e che dire delle mezze stagioni?
Conquista, stai, dimentica, cerca.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *