Titolo di Repubblica, il quotidiano rischia la serietà

repubblicabortiva

A leggere un titolo così uno cosa pensa? Che la pillola abortiva, quella approvata per legge, comporti rischi gravissimi. Lo leggi su «Repubblica»! Oh, un giornale serio. See.
Sbagliatissimo! I farmaci «abortivi» (che poi in realtà abortivi non sono, sia mai: siamo un paese liberamente catechizzato) approvati dalla legge non c’entrano nulla. Si tratta di un farmaco per curare l’ulcera, usato impropriamente per i suoi effetti collaterali. Perché allora non dirlo nel titolo?
Ecco il testo dell’articolo del 4 marzo, un po’ sforbiciato:

Per poco non ci lascia la vita. Una sedicenne che ha abortito, ingerendo Cytotec, la pillola abortiva molto diffusa tra le giovanissime e si compra in farmacia. Ha rischiato di morire e solo il ricorso urgente alle cure ospedaliere le ha permesso di salvarsi. […] Il farmaco […] è nato come curativo dell’ulcera gastrica, ma come controindicazioni provoca forti contrazioni dell’utero, quindi l’espulsione del feto quasi sicura entro le prime 9 settimane di gravidanza e con ottime possibilità di riuscita anche nel secondo trimestre. Tredici euro e ottanta per un aborto a casa. Tanto che i giovanissimi, e soprattutto gli stranieri sudamericani, la chiamano «pillola abortiva» e pare che si possa comprare in farmacia persino senza la prescrizione medica.

Puntualizzano, gli estensori dell’articolo: sono i giovanissimi a chiamarla impropriamente così, specie se stranieri sudamericani. Se ne deduce che «Repubblica» utilizzi i minorenni, forse sudamericani, come titolisti e/o articolisti. Vergogna!
Oppure mica sono tanto seri. Perché in rete rimbalzeranno le prime righe, il titolone, e in tanti saranno a sparare contro i farmaci «abortivi» approvati dalla legge, dicendo: «Vedi?!». Vedi che «Repubblica» qui non ha fatto il suo lavoro, ecco cosa vedi.

(Notizia letta su Nipresa).

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *