La luce che scolpisce il volto

lucescolpisceragazza

La luce sotto alla quale guardiamo le cose: cambia tutto, magari per un’insignificanza, ed è la vita, stupida e meravigliosa; o tutto resta uguale, ed è il Parlamento, instupidito e malavoglioso, platea plaudente di fronte a una sua parte, uguale al resto, che l’insulta per com’è stata (momentaneamente e minoritariamente indisponibile, per l’area di centro-sinistra, alle equivicinanze fusionali col centro-destra) e la richiama ad essere serva. E cosa c’entrava con l’immagine? Nulla, ma mi manca Pertini e la generazione dei resistenti.
Avevano un altro passo, un’altra dignità. In piedi, sì: per altre ragioni, e amore.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *