La Chiesa raccomanda il sesso anale come «misura di prevenzione dell’aborto»

lachiesasiraccomanda

Ah

La notizia è stata presa per vera da vari siti, ma è ovvio (provate a leggerla) che sia una burla: protagonista e portavoce di tale spostamento sarebbe infatti proprio quel Reig che di recente si è scagliato contro legge sull’aborto e omosessuali. Quel Reig che fa parte di un’organizzazione che dice che tutti devono crescere e moltiplicarsi e quindi non usare il preservativo, anche in zone a rischio di aids; e che sempre afferma che i suoi adepti però non devono sposarsi (secondo una pratica introdotta dopo il 1000. Prima i preti si sposavano, poi la Chiesa decisa di impedirglielo per impedirgli di passarsi le ricche parrocchie con annessi e decime di padre in figlio); che spiega, insomma, agli altri come fare quel che i suoi adepti non fanno; e che possiede un quinto del patrimonio immobiliare italiano, ho letto, sul quale quasi non paga tasse, so. Mi sovviene: la posizione canonica per riprodursi è detta del missionario, ci sarà un motivo? Qual è la sua missione?
In ogni caso mezza risata la burla la vale. In italiano nella versione del traduttore di Google, cliccando nella linguetta a fianco.

Tradoogle

Reig Pla, vescovo di Alcalá, si riferisce all’anno della donna come »occhio di Dio«

La futura approvazione della legge sull’aborto ha riaperto il dibattito tra sostenitori e oppositori della stessa. La Conferenza Episcopale ha chiarito la sua opposizione ad esse. Questa volta, lungi dall’essere contenti di difendere il suo divieto, ha proposto alternative audaci. Il più chiacchierato è stato raccomandato che ogni volta che un matrimonio che non è pronta ad avere figli sentono «la calda fiamma del Signore Dio» tra le gambe, optare per il sesso anale.
Il portavoce ha scelto per diffondere il messaggio è stato il parroco 
Reig PlaNel corso di una affollata conferenza stampa, il vescovo di Alcala ha assicurato che «l’aborto è una piaga che mette in evidenza la perdita di valori della società. Con questa raccomandazione, la Chiesa è modernizzata e manda un messaggio chiaro a abortisti: vi daremo in culo ».
Reig Pla cui la Bibbia per giustificare il provvedimento. In particolare, il passaggio da Exodus che lo ha ispirato. Il «occhio per occhio»Nella stessa vena, ha detto che «il corpo umano è il tempio del Signore. L’anno il vostro backdoor. Un buon parrocchiano preferiscono sempre di entrare per la porta di casa, ma la domanda è inserita, anche se sulla base di burro».
Il rappresentante della Conferenza Episcopale ha rivolto a tutte le domande senza evitare le questioni più controverse. 
Tra di loro è stato portato fino alla controversia relativa 
postambarazos indesiderate : «gravidanze indesiderate? Ogni pastore rende molto difficile capire come si possa non volere un figlio».
Con queste parole il dibattito sull’aborto prende una svolta drammatica, una svolta e si mette a carponi. Questa è la prima volta che la Chiesa ha adottato la pratica del sesso anale. Almeno con gli adulti . La misura è innovativo, ma è limitato a matrimoni eterosessuali. I grandi tabù coppie omosessuali rimangono. «Sono disgustoso – dice il vescovo – Lo sapevate che approva il sesso anale?».

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *