Il primo ministro alla frutta: Giuliano Ferrara

zucca_posteriore

Il presidente del Consiglio deve vedersela davvero brutta. Solo la disperazione può averlo convinto ad utilizzare l’«arma» Giuliano Ferrara. L’intervento del direttore del «Foglio» al Tg1 di ieri era in linea con il resto del telegiornale, ovvero tra il patetico e l’imbarazzante, ma ha mostrato tutta la debolezza dell’anziano premier. Perchè Ferrara potrà anche essere considerato intelligente, ma in quanto a popolarità è un disastro.
Fino a qualche tempo fa il suo giornale era letto soprattutto dai giornalisti, ora nemmeno da quelli. I dati di Audipress non contengono quelli relativi a «Il Foglio» e i motivi sono facilmente immaginabili. Forte del suo carisma Ferrara si era pure candidato alle elezioni politiche del 2008 ottenendo lo 0,371% (il prefisso di Lodi). D’altra parte il suo ruolo è sempre stato quello di tradurre ad un elettorato istruito la «linea politica» del potente di turno, prima Craxi poi Berlusconi; solo che quest’ultimo lo ha costretto a tali salti mortali da renderlo ormai totalmente inattendibile.
Il povero Ferrara ora prova a convincerci che è in corso un golpe da parte del gruppo Espresso, una sua vecchia mania, ma anche in questo caso si tratta della traduzione «per chi legge» del trito «golpe delle toghe rosse». Ovvio che dopo un ventennio il suo giochino abbia stancato. Ma il giornalista-«traduttore», non contento della figura fatta al Tg1, ha anche organizzato la manifestazione «Siamo in mutande, ma vivi» contro quello che chiama il «neopuritanismo ipocrita». Hanno gia aderito Piero Ostellino, Alessandro Sallusti e Pietrangelo Buttafuoco, più i soliti quattro gatti che si dicono quanto sono colti, intelligenti, ironici e coraggiosi. Da questo punto di vista non si può negare che Giuliano Ferrara sia rimasto di sinistra nel prodondo dell’anima. Per contattarla chiamare Arcore (prefisso 039).

P.s: oggi sono stati comunicati i dati auditel relativi all’intervista di Giuliano Ferrara al Tg1, in soli sei minuti ha fatto allontanare più di 300.000 telespettatori.

ON LI
visita il suo sito

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *