Il pasto felice di McDonald’s

happy-meal-day-01

Sally Davies, una fotografa novajorchese, un tre anni fa ha comprato un «happy meal» da McDonald’s, l’ha aperto e messo sul tavolo della cucina e l’ha poi fotografato tutti i giorni per 137 dì (almeno così si dice su questo sito). Sopra vedete l’immagine del giorno 1, fresco di acquisto da MdDonald’s; sotto le immagini dei giorni 49, 101 e 137.

happy-meal-day-49

happy-meal-day-101

happy-meal-day-137

Variazioni? Zero. Manco le muffe la vogliono, questa roba? Tutta chimica il cibo di McDonald’s, dunque?
Perché la prova sia scientificamente valida, serve un elemento di controllo: un panino fatto in casa, con manzo tritato da sé e pane appena comprato al supermercato. L’ha fatto J. Kenji López-Alt, e pubblicato sul suo sito, variando gli ingredienti alla ricerca di una risposta possibile (molto sale? Poco sale?) o combinando gli elementi (pane McDonald’s con svizzera casalinga, svizzera McDonald’s con pane preso al supermercato). Risultato? Dopo 25 giorni il panino preso da McDonald’s e quello fatto in casa sono nella stessa condizione: niente muffe. Come mai? Secondo l’autore del sito, la risposta è nella forma della svizzera, bassissima e larga: posta sulla piastra ad altissima temperature praticamente si disidrata, il che spiegherebbe il non ammuffimento (ma nel pane, da McDonald’s o nei supermercati Usa, che ci mettono? In tal tipo di pane cingomma, intendo). McDonald’s con svizzera più grande hanno iniziato a mostrare segni di muffa esattamente come gli omologhi fatti in casa.
Gli stessi panini con svizzera, infilati in un sacchetto ermeticamente chiuso, hanno fatto spuntare muffe verdastre, per via dell’umidità rimasta catturata nel sacchetto. E l’umidità nell’aria, allora? E sono paragonabili 25 giorni a 137?
Certo, se è vero quel che dice Karen Hanrahan sul suo sito, qui, la foto che vedete sotto è di un panino MacDonald’s comprato nel 1996 e fotografato 12 anni dopo (sulla destra un panino comprato nel 2008, il cui incarto è finito sotto quello del 1996). Oibò.
Mi sa che l’unica, per verificare la veridicità di questa storia, è fare una prova da soli. E niente salse (sono umide).

Burger2008

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *