Il gelo e il calduccio

geloecalduccio

(Che poi, gelo: il piombo sparato è rovente; ma tant’è, per il concetto).

(Che poi, la mɛrd@ citata mi ricorda tanto quella di una barzellettina che si raccontava quand’ero piccino. La cerco. La trovo, eccola.
«Un piccolo uccellino stava volando verso sud per svernare, ma il tempo era talmente rigido che l’uccellino congelato cadde a terra stremato. Mentre era a terra sopraggiunse una mucca, che gli fece una bella c@cat@ sopra. Ricoperto da una badilata di mɛrd@ di vacca, l’uccellino inizialmente si lamentò, ma poi realizzò quanto questa fosse calda, salvifica: la mɛrd@ lo stava preservando dal freddo! Quindi se ne stette sotto la mɛrd@ caldo e felice e iniziò a cantare per la gioia. Ma una volpe che passava da quelle parti sentì l’uccellino cantare e, seguendo il canto, scoprì l’uccellino, scavò nella mɛrd@, lo tirò fuori e se lo mangiò in un solo boccone!!! Morale della favola: 1) Non è detto che chi ti ricopre di mɛrd@ sia un tuo nemico; 2) Non è detto che chi ti tira fuori dalla mɛrd@ sia tuo amico; 3) E quando tu sei ricoperto dalla mɛrd@ stacci e zitto!».
La morale della favola l’ho sempre trovata sbagliata, ma solo nei punti 1, 2  e 3. Il punto 4 mi piace – il punto 4 è il racconto, e la morale vera va tratta dalla natura di insegnamento attribuita alla favola: accetti l’insegnamento di stare a capo chino? Rifiuti?).

(Che poi, ho imparato su Wikipedia, con tanto di lunghe molle a seguito – tutte le cose di Wikipedia vanno prese con molle a seguito: ogni tanto io modifico qualche voce per vincere scommesse, tanto per dire dell’affidabilità dell’«enciclopedia spontanea»: la sua, di mɛrd@, etimologia appare collegata al tema *mard (da una forma fondamentale smard-), come ad esempio l’antico slavo smruzdo, smradu, lituano smirdas (puzzare), o anche il greco smerdalèos (orrido).
Penso che smruzdo sia bellissimo e che anche smerdalèos abbia un ricco perché).

(Che poi, nel capoverso precedente, ci sono un sacco di parentesi tonde dentro parentesi tonde. Ci andrebbero le quadre? Ma allora dovrei mettere le quadre sin dall’inizio. Eh sì, son problemi).

(Immagine via Alice in Dustland, favoletta via Il mio Shen).

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *