Il castello senza porte né finestre

Lettore, leggi il testo sotto. Poi tocca a te. Sei invitato ad andare oltre il testo leggendolo come un’allegoria. Non c’e’ un’unica soluzione. Vanno bene tutte le chiavi, pur che aprano verso significati nuovi. Inviami la tua risposta entro lunedi’ prossimo. Le letture piu’ belle saranno pubblicate nella vetrina. Alla fine dell’anno 2013 si vincono altri tre libri (i primi tre son già stati spediti), assegnati a suo capriccio da uno dei curatori del sito.
E se lunedì primo aprile non toverete la consueta allegoria, non pensate a uno scherzo: è solo una vacanza di Pasqua! Si riprende lunedì otto.
Immagine via Regex.

C’era un re che viveva in un castello meraviglioso circondato da un giardino. Erano con lui la regina e una giovane principessa. Un giorno giunse a corte un indovino e il re si intrattenne a lungo con lui. Quando l’indovino fu partito, il re chiamò una squadra di muratori e ordinò loro di costruire, accanto al suo, un altro castello altrettanto grande e ancora più bello. I costruttori lavoravano alacremente seguendo il progetto dell’architetto di corte e tutti si stupivano della velocità e precisione della costruzione. Un giorno la principessa, che stava passeggiando nel giardino, si avvicinò a un muratore e osservò:
– Dov’è il portone del castello? Non l’avete forse dimenticato?
– No, – ripose il muratore – non ha porta questo castello.
La principessa rimase pensosa ma non osò chiedere altro.
Trascorsero i giorni. I muri crescevano ma non avevano finestre. La principessa chiese all’architetto:
– Dove sono le finestre del castello? Non le avete forse dimenticate?
– No, – rispose l’architetto – non ha finestre questo castello.
La principessa rimase senza parole e non osò chiedere altro.
La costruzione procedeva, ricca di begli archi e sculture, scale e corridoi, ma senza porte né finestre. Ogni mattina la principessa al risveglio si affacciava alla finestra e osservava i lavori. Una volta la principessa si alzò all’alba, quando tutti dormivano, e si avviò alla marina.

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *