Morte in copia carbone

DANZA-FUMO

Ed ecco l’unico riscontro trovato all’immagine pubblicata nel pezzo precedente: una sua versione in bianco e nero su un sito di Buone notizie, a commento di una vicenda che ha visto l’Enel opporsi a Greenpeace Italia, la quale in un corto -di Calopresti, con Quartullo e Haber e la musica dei Subsonica- ha denunciato i danni derivati dall’uso del carbone per produrre elettricità.

Una al giorno

Cito:

Una morte prematura al giorno e 1,8 miliardi di euro l’anno di danni alla salute, all’economia e all’ambiente. Questi sono i veri numeri di ciò che Enel fa in Italia con il carbone, la fonte energetica più sporca e impattante per il clima e la salute umana. – afferma Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia – Se estendiamo l’analisi alla produzione europea a carbone della multinazionale italiana, abbiamo una stima di quasi 1.100 morti premature l’anno e danni per 4,3 miliardi.

Energia sprecata: ricorso

Enel ha fatto ricorso contro la diffusione del video, ma il Tribunale di Roma l’ha rigettato, dal momento che

la comunicazione di Greenpeace è commisurata all’evidenza dei dati scientifici prodotti, che dimostrano gli impatti del carbone sul clima e sulla salute umana. Nessuna diffamazione o lesione dell’onore, quindi, ma una critica legittima e giustificata. Il giudice, ritenendo che «il nucleo essenziale della notizia riportata da Greenpeace è conforme a verità…», ha condannato Enel alla rifusione delle spese processuali.

Sarebbe stata una notizia migliore se gli avesse dato torto per aver gonfiato i dati. La verità ha trionfato, eh. Evviva, eh. La stessa identica immagine presentata nell’articolo precedente, ma come tutto cambia perché tutto possa cambiare. Una morte prematura al giorno. Una al giorno.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *