Con un pugno di mosche

Mosca. Ma non nel senso di città, e zitti.
Magnus Muhr, fotografo svedese (questo il suo sito, con cose notevoli aliquanto), una sera a una festa per nostra fortuna noiosa, passeggiando in giro non sapendo che far di sé una mosca morta trovò. Idea! e a casa tornò, e insetti già morti cercò e ancora trovò; e poi sopra un foglio bianco li mise, e con pochi tratti di penna umane situazioni per loro compose, e poi a tutti in rete le regalò, e a tutti il riso spuntò. O no?
Che schifo. Che ganzata.
Nessun insetto fu ucciso per comporre queste opere. Zzzzzzzzzzzzzzzz

Ronzinanti

Esse ronzano

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *