Ciuf ciuf brum brum

Uno deve partire, poniamo. Vuole prendere il treno perché così può leggersi un libro, guardare un video, chiacchierare liberamente eccetera. Tanto il tragitto è noto, e quindi la bellezza del viaggio in auto -la possibilità di scartare come il bufalo di De Gregori – è difficile la metta in pratica, stante anche ore di arrivo obbligate. E l’aereo? Viaggio troppo breve, considerando poi i tempi centro-areoporto e poi areoporto-centro, e molto più costoso.
E poi, cosa bella: come si legge sul retro del biglietto di Trenitalia, «Complimenti, con la scelta del treno hai contribuito a risparmiare al pianeta emissioni di CO2».
Prima che si chiuda la schermata della biglietteria automatica, appare però una scritta.
Possibile? Mi riprometto di verificare a casa, vista l’ora.
Bene, casa. Mettiamo uno apra il proprio elaboratore, vada sul sito di Trenitalia, cosa trova? Un concorso. E cosa regalano i geni di Trenitalia a chi è loro affezionato cliente? Un’auto! Ma perché? Forse una spiegazione si trova dopo l’immagine qui sotto.

Dal sito ViaggiaTreno è possibile verificare l’andamento dei treni nazionali, in tempo reale. Così dicono. Vedete i pallini verdi accanto ai treni in ritardo di 12 e 4 minuti? Cosa vedete scritto nella legenda? «Il treno sta viaggiando con regolarità». In altre parole, per Trenitalia un treno nazionale fino a 15 minuti di ritardo è regolare. Com’era la domanda? Perché regalano un’auto?

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *