Chi non beve in compagnia

unbicchieredivino

Lettore, leggi la scenetta e risolvi la situazione, o modificala, con le maniere migliori che riesci a pensare. Anche se non mi hai mai scritto, comincia ora. Normalmente dovresti inviarmi il tuo testo entro domenica prossima, ma anche nella nostra scuola ci sono le vacanze di Pasqua! Perciò hai quasi due settimane per inviare la tua risposta, che deve arrivare alla maestra entro il 28 aprile. Saranno gradite anche citazioni stimolanti sull’argomento. Le risposte migliori verranno pubblicate nella vetrina entro il lunedì successivo. Alla fine dell’anno 2014 si vincono tre libri, assegnati a suo capriccio da uno dei curatori del sito.
Buona Pasqua di resurrezione, di uova, di belle sorprese.

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Guglielmo ama la buona tavola, il buon vino, la buona compagnia. Oggi ha raccolto a cena a casa sua un gruppo scelto di amici e amiche e ha preparato con gran cura i vini da accompagnare alle varie portate. C’è uno spumante secco per l’antipasto, un rosso corposo per la carne, infine un vino passito per il dessert.
Guglielmo beve con gusto e trasporto. Lui regge bene il vino e a una festa gli piace abbondare. Gli amici lo seguono con piacere, però al momento del dolce Federico rifiuta il passito dicendo:
– Grazie, ma io mi fermo qui, non voglio bere oltre. Passo all’acqua.
Grazia, che sentiva girare la testa ma non osava dire nulla, lo imita.
Guglielmo rimane male a queste defezioni e prende a insistere. Alla fine Federico cede, seppur di malavoglia, mentre Grazia rimane salda sul partito preso.
Si beve il passito. La serata dovrebbe diventare ancora più allegra e invece sulla tavola è calata un’ombra di malumore.

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *