Cessa l’orbe qual fu un dì a noi noto / It’s the end of the world as we know it

(Trad. a cura di Mastro Giulio di It’s the end of the world as we know it dei R.E.M. – cliccare sul titolo per la versione del testo che abbiamo scelto)

Andiamo a calare il sipario sulla seconda stagione delle rime petrose con un canto particolarmente adatto all’uopo: trattasi di una lirica dal contenuto apocalittico ma sorridente, nella quale si narra la fine del pianeta tramite un affastellarsi di immagini quasi burchiellesco (nell’elenco mancano giusto i nominativi fritti e i “mapamondi”, poi c’è pressoché tutto).
In realtà ciò che si celebra è la fine del mondo “a noi noto”, ossia muore il vecchio e arriva il nuovo: da qui il tono ilare, che guarda ottimisticamente in avanti alle cose venture.
Per inciso, sono sorti alcuni problemi nella scelta della lezione del testo originale sulla quale condurre la traduzioni: circolano infatti codici diversi del testo, tutti dichiarati autorevoli, e che presentano alcune varianti. Ne abbiamo scelta una che parevaci la più probabile ma, ove avessimo scelto quella erronea, il danno sarebbe limitato perché le differenze tra le varie lezioni sono di piccolo conto.
Buona lettura, buona feria estiva, e che l’alma v’esulti.

 

CESSA L’ORBE QUAL FU UN DI A NOI NOTO.

Cosa mirabil! Col suolo squassato
da tremor va a incipiar[1], osei e serpenti;
velivol, Lenno Brustino ha potenti
corami[2], ocul di procella[3]; agitato

te ausculta, l’orbe cura i suo’ dimandi[4]
tu sciocco cura i tuoi, nutri d’aita[5]
favella sensata e grugnare spandi
ma tutta fortitudo tua è svanita.

Lo timor d’altitudo volta[6] in giuso
principia scotimento di scalette.
Cordame in fiamme ch’è immago di sette
giuochi, reggenza a nolo e loco aduso

a lotta. Ho lassato l’occaso[7] ratto
giungendo sanza arpie a le tue calcagna.
Cronisti basiti d’ogne compagna[8],
percossi e vinti han l’arto vincolato.

Mira quel giocar imo[9]: fausto fato,
dunque. Tracimazion ed abitanti,
vivande comuni, ma vo’ anda’ avanti.
Te salva e servi, ché l’orbe creato

li suoi dimandi serve; ausculta, o stolto,
lo cor tuo sanguinar, col rapimento
e l’estasi e colui cui vien rivolto
omaggio, e chi ha retto comportamento

nevvero? Se’ tosco struttor[10], patrioto,
se’ colpo e tenzone, se’ luce accesa;
or senti l’alma tua da follia presa:
or cessa l’orbe qual fu un dì a noi noto.

Ma l’alma m’esulta. Va la campana
sonando l’ora prima o vespra: preso
non de’i restar in torre foretana[11];
staffile e ustion, reddire[12], oditi acceso

d’agitazion. Or serra, e in uniforme
guisa serrando[13], libri in rogo e scorrer
di sanguine. Dei motivi[14] le torme
s’accrescon. Brucia il veicol atto a correr.

Alluma una candela e un lum votivo[15],
discendi mirando ‘l tallon che viene
leso, ma, o paladin, se’ dunque privo
di timor. Diserta, e lunge te tiene!

Gran copia di menzogne volge in moto
che turbina; offri a me rimedio e opzione
et io declinerò, dirotti “none”,
ché cessa l’orbe qual fu un dì a noi noto,

l’alma è lieta, però. Duo notti or sono
sognai di lame, di lande in deriva
il limin[16], monti che in fila dormivan.
Ecco Lionardo Bernosso e Leono

Buonsoldo, Lenno Brustino e infin Lesto
Botti[17], ed un genetliaco celebrato
con leccornie sublimi e gran tramesto[18].
Simbiotico e patrioto tu; vibrato

or viene il colpo, di volum, di collo:
confermi? Bene! D’antico or v’è vòto[19].
Gioisco, è l’or ch’il mio tempo disfollo[20],
ché cessa l’orbe qual fu un dì a noi noto.

****************

[1] Inizia: si intende il carme. [2] Lenno Brustino era un celebre giullare, noto per la vemenza dei suoi sberleffi ai potenti; “possenti corami” (cuore forte) fa riferimento al suo coraggio. [3] Occhio del ciclone. [4] Esigenze, necessità. [5] Aiutati con strumento ausiliare: passo oscuro, come il complemento oggetto di questo verbo. [6] Per “altezza in basso” si intende probabilmente quella vista da chi si trova in cima alla scaletta del verso successivo. [7] Tramonto. [8] Sta per “compagnia”. [9] Basso. [10] “Veleno che corrode”, come il vetriolo. [11] Straniera. [12] “Ritornare”, da intendersi con valore di sostantivo, come “ritorno”. [13] Chiudere uniformando tutto. [14] In senso musicale. [15] Lezione incerta: ascoltando sembrerebbe dire di nuovo “motivo”, ma codici autorevoli e il senso fanno preferire questa. Restiamo col dubbio. [16] Confine. [17] Personaggi noti caratterizzati dal nome iniziante per L e in cognome per B: il primo era un noto capomusico, il secondo un signore delle steppe che contrariamente al suo nome mal amministrava il pubblico tesoro, del terzo s’è detto, il quarto era illustre ancorché focoso musicologo. [18] Scoppio, baccano. [19] Parafrasi del titolo (smette ciò che conosciamo, arriva il nuovo). [20] È il momento di passare del tempo da solo (disfollare=eliminare al folla).

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'nroll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Cessa l’orbe qual fu un dì a noi noto / It’s the end of the world as we know it

  1. semplicemente geniale.
    l’ennesima conferma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *