Lo zoo della tristezza

tristezza_zoo

Personalmente non son del tutto contrario agli zoo, perché ritengo che vedere gli animali possa portare i bambini, cioè i futuri adulti, ad amarli e quindi a rispettare il loro diritto ad esistere. In altre parole: il brutto sacrificio di poche bestie per la salvezza delle altre.
Tuttavia ci sono zoo e zoo, e una gabbia può essere più o meno gabbia.
Due più, qui.

Il pinguino che va a fare la spesa

pinguinofaspesa2 pinguinofaspesa1

La storia è di qualche anno fa. La racconto così come l’ho sentita, e se non è vera è ben trovata.
Un pescatore giapponese un po’ di tempo fa salvò questo pinguino dalle reti e se lo portò a vivere a casa, costruendo per lui una cuccia refrigerata. Ben presto diventò il cucciolo di famiglia. Un giorno il pinguino andò a far spese con il resto della famiglia, e divenne matto di gioia quando arrivarono dal pescivendolo. E niente, da allora va lui a prendersi il pesce, con il suo zaino da pinguino sulle spalle: arriva dal pescivendolo, sceglie e torna a casa.

(Immagine e storia via Nipresa).

La volpe e il cane (o Red e Toby di ciccia)

volpecane0

Chi, come chi scrive, ha visto al cinema Red & Toby neimiciamici della Disney, se lo ricorda come l’ultimo cartone veramente disneyano prima della deviazione dal canone e del conseguente collasso (e poi della rinascita, e poi di nuovo del collasso).
In questo filmetto (che non è certo all’altezza di tanti altri classici Disney, ma ce ne fossero) assistiamo all’amicizia tra un volpacchiotto e un cagnolino, che procede felice secondo natura fino a che la mano dell’uomo non la guasta; anche se, sempre in un Disney siamo, poi la natura riprende il sopravvento, con una spolverata di umanizzazione, e tutti vissero lontani e contenti. O almeno, così mi ricordo: non lo vedo dal 1981. Se me lo ricordo ancora forse tanto filmetto non era.
Comunque, ho trovato su Uno et Rino le immagini che vedete, che raccontano un pezzetto dell’amicizia tra la volpe Annusatore (Snusenog) e il cane Tinni: a loro è dedicata una pagina sul Facciario, e potete leggerne meglio qui.
In due parole: la loro storia, una storia norvegese, viene raccontata per aggiungere un altro basta all’uccisione di tanti animali solo per ricavarne esornative pellicce, e con i soldi in qualche modo raccolti grazie a questo progetto vengono finanziate iniziative in tal senso.

 

volpecane7

volpecane6

volpecane5

volpecane4

volpecane3

volpecane2

volpecane1

volpecane9

volpecane10

Juraj Herz / Il crematore

gattinodolce

Una sequenza proveniente dal cecoslovacco Spalovač mrtvol (Il crematore, 1968) di  Juraj Herz, tratto dall’omonimo racconto di Ladislav Fuks. Non ho visto la pellicola, ma ho letto (qui) la trama («La grottesca e surreale ascesa di Karel/Roman Kopfrkingl,in apparenza encomiabile dipendente del crematorio di Praga e premuroso padre di famiglia, ma in realtà individuo conformista e miope, perfetta rappresentazione della “banalità del male”, che l’occupazione nazista di Praga, siamo nel 1939, farà esplodere in tutto il suo delirio») e un giudizio («Al suo quarto film Juraj Herz, amico e collaboratore di Jan Švankmajer, offre una straordinaria miscela di gioco malsano e allegoria politica, con abbondante umorismo nero, in una costante atmosfera innaturale grazie all’utilizzo del fish-eye ed un sapiente montaggio») che metton voglia di vederlo.

(Immagine trovata su Il fascino del vago).

Animali ibridi / Uno

squalopotamo

Personalmente sono sempre stato affascinato dalle creature fantastiche, dagli antichi bestiari dell’immaginario (ma creduti spesso per veri) a quelli più moderni (rivendicati per parti della mente e dell’arte, e talvolta rilettura di urbane leggende); passione che, viste le tante pubblicazioni in materia, non sono il solo a covare.
In alcuni casi il risultato è puramente di fantasia (ma anche la fantasia da qualcosa nasce), in altri casi deriva da una combinazione di due o più animali esistenti (come, ad antico esempio, la chimera).
A questa seconda specie appartengono le immagini che vedete, ottenute grazie al fotoritocco: in molti si sono cimentati nella costruzione di una diversa zoologia, divertente, preoccupante (vedi lo squalopotamo sopra), stramba, simpatica, tanto da dedicarvi una speciale pagina su Reddit, intitolata Animali ibridi. Facciamo due. Mi sa tanto che ripescheremo da qui, son troppo belle.

caviorso

Orsellino d’India.

 

pinguorca

Pinguorca.

 

carlignolo

Carlignolo.

 

lucertolapinocchio

Lucertoceronte.

 

gabbiano martello

Gabbiano martello.

 

belubbiano

Belubbiano.

 

nasicaaleone

Leonasica.

 

belugavallo

Belugallo.

 

scimpanzallo

Scimpanzallo.

 

manafante

Dugongante.

Pssss. La lucertoceronte in realtà è la rarissima lucertola pinocchio equadoriana ed esiste davvero. Li ritocchi della natura!