Ciliegie e lumache

ciliegielumache

Una immagine di Vyacheslav Mishchenko che daParte dedica a Gaia e Giorgia di Le ciliegie parlano, autrici di recensioni librarie ripubblicate qui con tanto di permesso.
Gaia e Giorgia che pian pianino, come le lumache, costruiscono una casetta di libri letti e, come le lumache, se la portano appresso e, come queste due lumache, lo fanno con la grazia di un bacio e, come queste due lumache, lo fanno in modo che tutti si possa approfittare di tanto lieve e mai superficiale spettacolo.

BB settete!

interdizione

I giudici di Milano hanno condannato a 7 anni di carcere la cocuzza del Pdl: per concussione per costrizione e per prostituzione minorile. L’accusa aveva chiesto 6 anni, i giudici hanno rilanciato di uno. Vedo. Ci sto.
Inoltre è stata disposta l’interdizione perpetua del padrone del Pdl dai pubblici uffici.
Sotto, un simpatico promemoria sui processi a carico del capoccia del Pdl (da Internazionale) e un riassunto grafico della sentenza (via Marsigatto).
Dedicata a Panduz.

 

processi16open1

duralex

Peppino Impastato e Felicia Impastato

peppinoimpastato

Oggi in pochi hanno ricordato Aldo Moro, restituito morto un 9 maggio di tanti anni fa (perché adesso la compromissione si è sostituita al compromesso, e la si chiama pacificazione – almeno, così la si chiama dalla parte che sta contro i cittadini); perché un conto è -ieri- fare le cose insieme per la nazione e un conto è -adesso- fare le cose insieme per mantenere il potere. E oggi, oggi: Falcone e Borsellino, certo.
Tuttavia a me la storia di Peppino Impastato, figlio di un mafioso, che alla mafia si ribellò e dalla mafia fu ucciso scomparsa la protezione, anche se involontaria, del padre; e la lotta della madre per togliere dal figlio l’ombra del terrorismo cucitagli addosso dalla mafia, consegnarlo irrevocabilmente alla parte migliore del mondo e far punire i colpevoli della sua morte: ecco, tutto questo umanamente mi colpisce di più. Ho trovato in rete (via Mary Jungle; poi grazie a lol – Ct nel cuore ho trovato la citazione completa) queste parole di sua madre:

Chistu unn’è me figghiu. // Questo non è mio figlio.
Chisti un su li so manu // Queste non sono le sue mani.
chista unn’è la so facci. // Questa non è il suo viso.
Sti quattro pizzudda di carni // Questi quattro pezzi di carne
un li fici iu. // non li ho fatti io.

Me fighhiu era la vuci // Mio figlio era la voce,
chi gridava ’nta chiazza // che gridava nella piazza,
eru lu rasolu ammulatu // era il rasoio affilato
di lo so paroli // delle sue parole,
era la rabbia // era la rabbia,
era l’amuri // era l’amore
chi vulia nasciri // che voleva nascere,
chi vulia crisciri. // che voleva crescere.

Chistu era me figghiu // Questo era mio figlio
quannu era vivu, // quando era vivo,
quannu luttava cu tutti: // quando lottava contro tutti:
mafiusi, fascisti, // mafiosi, fascisti,
omini di panza // uomini di pancia
ca un vannu mancu un suordu // che non valgono neanche un soldo,
patri senza figghi // padri senza figli,
lupi senza pietà. // lupi senza pietà.

Parru cu iddu vivu // Parlo con lui vivo,
un sacciu parrari // non so parlare
cu li morti. // con i morti.
L’aspettu iornu e notti, // Lo aspetto giorno e notte,
ora si grapi la porta // ora si apre la porta
trasi, m’abbrazza, // entra, mi abbraccia,
lu chiamu, è nna so stanza // lo chiamo, è nella sua stanza
chi studìa, ora nesci, // che studia, ora esce,
ora torna, la facci // ora torna, la faccia
niura come la notti, // nera come la notte,
ma si ridi è lu suli // ma se ride è il sole
chi spunta pi la prima vota, // che spunta per la prima volta,
lu suli picciriddu. // il sole bambino.

Chistu unn’è me figghiu. // Questo non è mio figlio.
Stu tabbutu chinu // Questa bara piena
di pizzudda di carni // di pezzetti di carne
unn’è di Pippinu. // non è Peppino.

Cca dintra ci sunnu // Qua dentro ci sono
tutti li figghi // tutti i figli
chi un puottiru nasciri // che non sono potuti nascere
di n’autra Sicilia. // in un’altra Sicilia.

Felicia Impastato