Calle del tuono / Thunder road

calletuono

(Trad. a cura di Mastro Giulio di Thunder road, di Bruce Springsteen – cliccare sul titolo per il testo originale)

Un lungo canto di speranza, di invito al viaggio come riscatto; accompagnati, naturalmente, da Maria…

Parole
CALLE DEL TUONO

Vitreo l’uscio squassato dal vento
che la veste a Maria move ad onde;
ella in danza è visione e portento,
nel suo portico l’aria diffonde

le solinghe di Roggio Mondino[1]
note, all’uom derelitto rivolte.
Bene mio, sono qui: bramo sol te,
più non voglio mirar me tapino.

Perch’i’ son qui tu ‘l sai: non fuggire
nel tuo ostel perché tieni, spaurita,
da noi la verde etade fuggita[2]:
esta è notte d’incanto, fa’ aprire

lo cor tuo a gioiosa speranza!
Di beltade non sarai perfetta
ma lo cor mio diletta t’ha eletta:
né sembiante né età sien lagnanza.

Tuo doglior[3] puoi, tra le coltri ascosa,
meditar, o emendar vecchi amori;
puoi iettar ne la pluvia una rosa
o una state[4] a invocar redentori.

Non son prode io, è cosa acclarata:
redenzion offro sol di garretto
e garrese. Ma la propizia fiata
ardiam: poca ozzion[5] abbiam, eccetto

sanza alcuno riparo la chioma
dare a Zefir gioiosi[6], ed intanto
s’apre notte d’intorno di schianto,
esta via, pur piccin, va mai doma.

Occasion postrema[7] a noi rimane
d’aver selle per l’ale[8], et allor
or in groppa tu sale, mio amor:
paraiso d’ivi è lunge un amen[9].

La mia mano ora afferra! In cammino
per la terra promessa lo calle
correremo del tuono, al mattino
e alla sera del tuono lo calle.

Or dimoro[10], assassin sotto al sole,
so che è tardi ma ancora si pòle:
cavalchiam saldi, zoccoli in spalle,
galoppiam sullo del tuono calle.

Già docei[11] a mio liuto favella,
destrier pronto è al solingo cammino:
sei l’ tu? Sali dietro a me e ‘l gradino
lasci? È viaggio che esige gabella[12].

Ciò che tacquesi ancora t’offende
ma ‘l suggello de’ patti e de’ giuri
romperem questa notte: noi attende
libertade, e sarem novi e puri.

Spettri albergan nelli ocul di que’
ch’un dì lunge dal cor respingesti;
han sentier cagnei costier infesti,
destrier morti che il foco ossa fe’.

Ne le tenebre invocan te in grida
e tua toga di laurea in lacerti
ora giace ai lor pie’, e nell’umìda
derelitta ora preaurora avverti

lor inquieto nitrir, che poi fugge,
se t’affacci, nel vento… Maria:
ora è ‘l tempo, fuggiam l’apatia
ch’è qui: or dentro vittoria mi rugge!

___________________

[1] Antico cantore, noto nel Nuovo Mondo col nome di Roy Orbison. [2] “Pensi che la gioventù ormai sia fuggita da noi”. [3] Dolore. [4] Estate. [5] Forma, invero sospetta, per “scelta”. [6] Gettare le chiome al vento. [7] Ultima. [8] Di avere selle in cambio di ali (una cosa concreta in cambio di una bella ma inutile). [9] Rima tutt’altro che esente da critiche. [10] Usato nel senso di “attendo”. [11] Insegnai. [12] Un prezzo.

Musica

Parole foreste
THUNDER ROAD

The screen door slams
Mary’s dress waves
Like a vision she dances across the porch
As the radio plays
Roy Orbison singing for the lonely
Hey that’s me and I want you only
Don’t turn me home again
I just can’t face myself alone again
Don’t run back inside
darling you know just what I’m here for
So you’re scared and you’re thinking
That maybe we ain’t that young anymore
Show a little faith, there’s magic in the night
You ain’t a beauty, but hey you’re alright
Oh and that’s alright with me

You can hide `neath your covers
And study your pain
Make crosses from your lovers
Throw roses in the rain
Waste your summer praying in vain
For a savior to rise from these streets
Well now I’m no hero
That’s understood
All the redemption I can offer, girl
Is beneath this dirty hood
With a chance to make it good somehow
Hey what else can we do now
Except roll down the window
And let the wind blow back your hair
Well the night’s busting open
These two lanes will take us anywhere
We got one last chance to make it real
To trade in these wings on some wheels
Climb in back
Heaven’s waiting on down the tracks
Oh oh come take my hand
Riding out tonight to case the promised land
Oh oh Thunder Road, oh Thunder Road
oh Thunder Road
Lying out there like a killer in the sun
Hey I know it’s late we can make it if we run
Oh Thunder Road, sit tight take hold
Thunder Road

Well I got this guitar
And I learned how to make it talk
And my car’s out back
If you’re ready to take that long walk
From your front porch to my front seat
The door’s open but the ride it ain’t free
And I know you’re lonely
For words that I ain’t spoken
But tonight we’ll be free
All the promises’ll be broken
There were ghosts in the eyes
Of all the boys you sent away
They haunt this dusty beach road
In the skeleton frames of burned out Chevrolets

They scream your name at night in the street
Your graduation gown lies in rags at their feet
And in the lonely cool before dawn
You hear their engines roaring on
But when you get to the porch they’re gone
On the wind, so Mary climb in
It’s a town full of losers
And I’m pulling out of here to win.

Proponi la tua rima petrosa a Mastro Giulio e visita il suo sito

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'n'roll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *