Barta / La piccola bottega dei prodigi

mangafarming01

Cominciamo, da oggi, a pubblicare gli articoli scritti per la rubrica Coselliquisquiglii intorno al libro e apparsi una prima volta sul sito di Barta edizioni, una meravigliosa e ancora piccola casa editrice. E non si pensi sia un giudizio affrettato: tra i fondatori, uno dei gestori di questo sito. Ehm.

Dai diamanti non nasce niente, ma dai libri nascono piante, ovvero: la piccola bottega dei prodigi. Corman sarebbe fiero di vedere come una delle sue più celebri visioni abbia fertilizzato, letteralmente, l’immaginario degli artisti. È un’idea di Koshi Kawachi, un artista di Tokyo che ha dato vita a un’installazione dal nome Manga Farming (farm è la fattoria, in inglese; manga il fumetto, in giapponese: e il nome è quindi un ibrido linguistico), presentata nel 2010 al Matsuzakaya department store di Nagoya. Qui altre notizie.

mangafarming02

Koshi ha preso dei vecchi giornaletti manga e all’interno delle pagine vi ha piantato germogli di ravanello e altri semi. Come un perfetto giardiniere ha innaffiato i germogli, li ha illuminati e in poco tempo sono nate delle piantine. Ibridi vegetali e cartacei, una nuova forma di vita e, soprattutto, una nuova forma di educazione al riciclo.

mangafarming03

Trovo superba questa specie di miniatura fra parola e cosa. Anzi, la trovo un’iniziativa che ha qualcosa di edenico, di ricostruttivo; Koshi, attraverso la leggerezza del fumetto popolare, tenta di ricucire quella ferita che da millenni affligge l’umanità: la frattura fra segno e significato. Invece con questi Manga Farming, in qualche modo, si arriva a una ricomposizione, perché la cultura (il segno del manga) è terreno fertile, ma soprattutto educa al riciclo mentre lo fa vedere. Le parole, intese come segni grafici, si staccano dal piano bidimensionale nel quale vivono e, come un ologramma in un film di fantascienza, insegnano a chi le guarda/ascolta un principio piuttosto semplice, ma in via d’oblio: «non sprecare».

mangafarming04

È complicato? Troppo cervellotico? Può darsi. Allora affidiamoci alla bellezza di questi nutrimenti, allo sfolgorio cromatico. Il verde della pianta che s’innesta con la colorazione del fumetto, gli accostamenti fra immagini e gemma.
Di così poco si sfama la civiltà, a starci attenti.

mangafarming05

Filippo Polenchi
Visita il sito dell’autore e quello di Barta edizioni

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *