Barcarola / The ship song

barcarola

(Traduzione curata da Mastro Giulio di The ship song di Nick Cave – cliccare sul titolo per il testo originale)

Ecco un’altra lirica amorosa, il cui titolo si riferisce al ricorrere dell’immagine marittima più che al noto tipo di composizione musicale. E qual nave che salpa e torna, va e viene, tale è il sentimento di questi due amanti, che menano la loro storia tra crudeltà e amore, tra partenze e ritorni, tra comunione d’anime e mistero.

BARCAROLA.

Or salpa i tuo’ vaselli[1] a me d’intorno,
qual corolla, donzella; e poscia dona
al foco li tuo’ ponti e farem bona
picciola istoria ad ogne tuo ritorno.

Scatena li tuoi can di contro a mene[2],
la chioma tua disciogli in giuso volta:
picciol mister tu se’ per me, mio bene,
ad ogne tuo ritorno, ad ogne volta.

Tutta la notte n’abbiamo discorso
a le morali forme definire,
ma com de li tuo’ abbracci saggio il morso
ogne cosa in ruina[3] va a finire.

Ed or mestizia ti pinge lo volto
ché sai che va appropinquandosi l’ora
in cu’ i’ dovrà l’ale averti tolto
e in cui tu tentera’ lo volo ancora.

Ordunque, intorno a me li tuo’ vaselli
or salpa qual corona, e dona al foco
li ponti tuoi; farem storia da poco
ma bella, quando vista rinovelli[4].

************

[1] Navi. [2] Me. [3] Rovina. [4] Ogni volta che tornerai a trovarmi.

Informazioni su Mastro Giulio

Nacqui, conobbi la letteratura, conobbi il rock'nroll, li fusi.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *