Ascoltare pazientemente

ascoltare2

Lettore, leggi la scenetta e risolvi la situazione, o modificala, con le maniere migliori che riesci a pensare. Anche se non mi hai mai scritto, comincia ora. Inviami il tuo testo entro domenica prossima. Saranno gradite anche citazioni stimolanti sull’argomento. Le risposte migliori verranno pubblicate nella vetrina entro il lunedì successivo. Alla fine dell’anno «scolastico» si vincono altri tre libri (i primi tre sono stati già vinti e spediti), assegnati a suo capriccio da uno dei curatori del sito.
(Cliccate sulle linguette delle schede per proseguire
).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

 

La nonna sta raccontando per l’ennesima volta ai nipoti di quella volta che, a Montecarlo, aveva vinto un milione alla roulette.
Egidio, il piccolo, ascolta con interesse, per lui è una storia ancora nuova. Invece Stefania, che ha quattordici anni e preferirebbe essere con i suo amici, invece che in visita dalla nonna, sbotta:
«Ma nonna! L’hai già raccontato mille volte. E per me non è neanche vero».
La nonna si risente.
«Che sgarbata che sei, Stefania! Se fai così anche con gli altri, non lo troverai mai un fidanzato tu, cara. Ricordati che la prima regola in società è di ascoltare pazientemente quello che si racconta, anche se non te ne importa un fico secco».

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *