Tiro alla fune

Lettore, leggi il testo sotto. Ora tocca a te. Sei invitato ad andare oltre il testo leggendolo come un’allegoria. Non c’e’ un’unica soluzione. Vanno bene tutte le chiavi, pur che aprano verso significati nuovi. Inviami la tua risposta entro lunedi’ prossimo. Le letture piu’ belle saranno pubblicate nella vetrina. Alla fine dell’anno si vincono tre libri, assegnati a suo capriccio da uno dei curatori del sito.

Il tiro alla fune è un gioco popolare antichissimo, attestato nell’antico Egitto, nell’antica Grecia, dove faceva parte dei giochi olimpici, e anche in civiltà extraeuropee così distanti come ad esempio quelle della Birmania, della Nuova Zelanda, delle Americhe. Verso la fine dell’Ottocento il gioco ricevette addirittura la ratifica di sport olimpico. Nel 1920 venne eliminato dalle Olimpiadi, insieme ad altri sport, ma continua fino ad oggi ad essere giocato agonisticamente a livello nazionale e internazionale. A organizzare i campionati mondiali di questo sport è la Tug of War International Federation.
Queste le regole del tiro alla fune agonistico. Si utilizza una robusta corda della circonferenza di circa 10 centimetri dove sono indicati il punto centrale e la distanza di 4 metri da questo, in ambedue le direzioni. Si colloca il centro della corda sulla riga che demarca i due campi del gioco. Lungo la corda si dispongono i giocatori, il cui numero varia da 5 a 8. Al via, ciascuna delle squadre cerca di tirare l’altra nel proprio campo fino a raggiungere il segno dei 4 metri, nel qual caso ha vinto la gara. Se un giocatore cade o si siede commette fallo e quando una squadra ha commesso tre falli, la partita è persa.
Se il tiro alla fune come sport serio è in disuso, il tiro alla fune come gioco popolare continua a godere anche oggi di grande successo. Si pratica alle feste di bambini, alle sagre di paese, in spiaggia, nelle scampagnate tra amici. Basta una corda resistente e il gioco è bell’e fatto.

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *