Leonard Simon Nimoy (Boston, 26 marzo 1931 – Los Angeles, 27 febbraio 2015)

spock2

spock1

Un omaggio di Flyingrotten e un epitaffio su un tabellone apparso ad Atlanta (Georgia, Usa) in memoria di Leonard Nimoy, morto il 27 febbraio. La scritta dialoga silenziosamente col saluto tipico del più famoso personaggio di Nimoy, Spock: «Lo ha fatto», cioè: «Ha vissuto a lungo in pace e prosperità».
Vero, come è vero che non è mai abbastanza a lungo. Per chi muore, e per chi resta.

Fili rossi #13

filirossi13_1

C’è qualcosa di estremamente e doverosamente pop nella vena che sta prendendo un certo tipo di cinema a metà tra l’autoriale e il convenzionale. Potrei guardare al solito Spring Breakers (2012) di Harmony Korine o anche a Wetlands (2013), la disgustosa commedia tedesca a sfondo sessuale di David Wnendt, in realtà ben meno coraggioso di quanto si prefissi o possa sembrare oltre quelle quattro o cinque scene scioccanti, oppure, meglio, potrei affrontare il pluri-Oscar Birdman (o le imprevedibili virtù dell’ignoranza) (2014) di Alejandro Gonzàles Iñàrritu, un’opera nevrotica e scoppiettante, montata in maniera da dare l’illusione di un unico piano sequenza, fluido, continuo e spericolato, fondendo quindi i mondi stilistici di Nodo alla gola (1948) di Alfred Hitchcock e di Arca russa (2002) di Aleksandr Sokurov. Ma a rendere eccezionale il film di Iñàrritu probabilmente più che l’impostazione stilistica o la messinscena, o anche più dell’utilizzo dei riferimenti metacinematografici (l’identificazione tra il protagonista, Michael Keaton, e il personaggio che interpreta, un Riggan Thompson che proprio come Keaton dopo Batman soffre del postumo da celebrità a causa di un ipotetico Birdman ma non riesce a farsi prendere sul serio come attore né a raggiungere la fama per motivi seri), è il suo continuo e doloroso processo di nevrosi, quasi necessità adrenalinica e psicotica – è interessantissimo ad esempio l’uso sperimentale di una colonna sonora che si basa quasi esclusivamente sulla batteria, raggiungendo il culmine stilistico nella scena, breve e potentissima, in cui un batterista di strada entra nella scenografia del film annullando dunque qualsiasi parvenza di finzione. Tuttavia Birdman è un film che rischia nella propria ostentata spudoratezza, di diventare bersaglio di sé stesso: ha un budget e una distribuzione non troppo dissimili da quelli dei film che critica direttamente. Dov’è la rivoluzione povera, dove la resistenza? Quello che si ha sono rimasugli pop di un desiderio liberatorio espresso con una follia jazz notevolissima. E Birdman è un po’ uno tsunami di psichedelia postmoderna per il grande pubblico: senza troppi sperimentalismi ma con esplosioni (istituzionalizzate nei limiti) a sufficienza. Magari non basta.
Cliccare sulle linguette per proseguire nella lettura)

1

filirossi13_2

Sion Sono è tra i più grandi ed emozionanti registi del moderno – e del postmoderno, e dell’avantpop, e anche delle contaminazioni tra questi e il classico. Partendo dal presupposto che, nonostante gli sforzi di Birdman «non bastino», il film di cui sto per parlare è probabilmente inferiore, Tokyo Tribe, il musical rap del 2014 dal regista giapponese portato al Torino Film Festival, è un esempio anarchico di B-movie oltremodo pop e kitsch nei suoi deliri citazionisti (Spring Breakers, Arancia Meccanica, Kill Bill, Gli intoccabili, i film di Bruce Lee e soprattutto Star Wars in una delle sequenze più nonsense in assoluto). Sion Sono non randella a caso, sa quello che fa nel suo rivoluzionare il caos mondano e degradante del cinema moderno, non impone uno sguardo ma mostra solo quello che è un folle calderone di puro amore per il mezzo cinematografico e per la sua libertà. Poi, che Tokyo Tribe sia un po’ gratuito è necessario, come è necessario che in un film sull’eccesso di eccessi tutto un po’ ecceda: le canzoni mostruose e ripetitive, il divertimento, i piani sequenza, i colori sgargianti, i momenti da fumettone. E se anche il pop fosse solo una scusa per diffondere il verbo del grafico mondo di un regista le cui soluzioni estetiche sono collettive e intrattenenti «per tutti»,…  che scusa!

filirossi13_3

Una problematica che il cinema si deve porre è sempre quella del tempo. Ovvio: il cinema (e le videoarti ad essa relative) è l’unica forma artistica capace di riportare il tempo ed il passare del tempo in immagini. In tal senso, il tempo è anche sempre il tempo presente e quindi il cinema pop (e il cinema; e il pop, conglomerarsi di culture popolari e dunque  manifestazione assoluta dell’avanzare postmoderno / postmodernista dell’arte contemporanea) deve attingere alla realtà e allo scorrere del tempo per descrivere i ritmi del pop, e del cinema, e della realtà. Cosa che Tokyo Tribe ad esempio non fa, e Birdman parzialmente, con i suoi continui riferimenti al consumismo e la sua incoerenza anticronologica nel piano sequenza rimontato, che dà al tutto un fascino temporale diverso. E la musica, che tra le arti che possono essere inserite all’interno del mezzo cinematografico (potenzialmente tutte) è la più abusata, spesso è un buon mezzo per far filtrare la funzionalità del pop stesso – non come genere musicale, ma come corrente estetica per immaginare la novità, la visualizzazione grafica del moderno.
Come insegna anche Maccio Capatonda nel recentissimo non-film Italiano medio (2015), bisogna affondare le mani nello sterco per creare del bene, o forse è meglio dire per sensibilizzare riguardo allo sterco stesso e far ritrovare la concezione dello stesso. Poi, Capatonda, nella conclusione dell’opera, finisce per cercare/trovare un compromesso, dopo aver palesato nello spettatore per il resto della durata del film una musica elettronica improponibile, tra le note zarre di Pettinero di Il Pagante e altro.

Whiplash-7121.cr2

Damien Chazelle invece ha appreso a pieno le funzionalità della musica nel cinema moderno ma non le ha applicate al cinema moderno. Per spiegarsi meglio: Birdman usa la batteria jazz come componente fondamentale del suo ritmo frenetico, improvvisato e fluido anche nella regia, e la follia di Tokyo Tribe è perfettamente rappresentata sia dal montaggio folle e dai colori assurdi sia dal continuo demolimento di barriere di volgarità causato dal continuo delirio del suo rap. Damien Chazelle con il suo secondo film Whiplash (2014) ha composto quello che è un perfetto film d’attori e un perfetto film indipendente da Sundance, curando alla perfezione due personaggi, uno studente di batteria jazz (Miles Teller) ed il suo temutissimo insegnante / mentore (JK Simmons, già Golden Globe come miglior attore non protagonista e poi Oscar). Entrambi i personaggi si possono vedere come negativi, pur essendo uno una vittima e l’altro un carnefice, entrambi sono perfezionisti fino al matematico ed entrambi finiscono per apprezzare la condizione quasi da sindrome di Stoccolma che finisce per crearsi. Una «normale» tensione tra studente e insegnante finisce per avere i ritmi e la coesione narrativa di un thriller. Ma quello che poteva essere un film free jazz, improvvisato, mostruoso e caotico come un Il pasto nudo (1991) di David Cronenberg o un Gummo (1998) di Harmony Korine, finisce per essere eccessivamente istituzionalizzato in uno stile rigoroso come il metodo d’insegnamento del personaggio di Simmons, ma anche difficilmente adattato o adattabile alla potenziale follia che poteva sprigionare. Risultato? Un film d’intrattenimento anche angosciante nel ritratto pessimista della relazione tra i personaggi, ma non un film pop.

(continua)

2

filirossi13_5

Sempre a livello musicale, si può tornare tanto indietro nel tempo con La ragazza del bagno pubblico (1970) di Jerzy Skolimowski, non proprio un film pop, non proprio un film postmoderno, non proprio un film che si pone il problema della resa del passare del tempo. Anzi, è un film rock (colonna sonora: Cat Stevens e Can), una storia d’amore trasgressiva e ribelle tra un quindicenne e una ventenne di facili costumi di cui è innamorato in maniera malata e un po’ folle. È un film british. È un film dalla forte componente erotica, ma condito con sperimentalismi post-sessantottini (la bellissima e bravissima protagonista femminile è interpretata da Jane Asher, successivamente compagna di Paul McCartney) e immoralità varie, in una continua parabola ascendente che giunge alla sua unica conclusione possibile in un finale violento e grottesco, nel quale il protagonista sembra quasi dimostrare al massimo l’antiromanticismo dietro le proprie azioni, diventando uomo-fallo e poco più e de-umanizzando una generazione speranzosa per l’epoca.
In questo senso si potrebbe dire che è un film… proto-pop? Un film completamente immerso nel (suo) presente e che ne critica ogni aspetto da un punto di vista prima sessuale e musicale che cinematografico, ma facendone piombare ogni caratteristica in una elegante ricerca estetica / estetizzante di ciò che può (sembrare di) essere puro testosterone, come per creare una autoironica immedesimazione completa con l’ignavo protagonista.
È una commedia nera poco divertente, un film romantico senza amore, un dramma che non riesce mai ad essere devastante se non in un finale caricato e mostruoso. È un brodo di indecisioni, di piccoli caos, un’oscura satira a qualcosa di poco definito. Forse Skolimowski ha capito, e prima di tutti, prima anche di Spring Breakers appunto, che si deve entrare completamente in un punto di vista diverso e fittizio per dimostrarne la futilità, la vacuità, la tristezza e l’attualità. Prima di tutti?

filirossi13_6

Prima di tutti forse solo perché non si può parlare di una certa fetta di cinema come di cinema pop, in quanto troppo antica o troppo lontana da una certa estetica. Ma Antonio Pietrangeli con Io la conoscevo bene (1965) ha ritratto in maniera ottima un vero e proprio requiem, non pop ma prospetticamente e psicologicamente innovativo, di una generazione e di una categoria umana: la giovane ragazza alla ricerca del niente, troppo pigra per fare la differenza, troppo bella per essere abbandonata, troppo superficiale per non essere umiliata. Una vera vittima della società, la Adriana di Stefania Sandrelli, un personaggio tragico che infatti conclude la propria storia in puro (e inaspettato) dramma. E cosa fa Pietrangeli, per mostrarcene il percorso? Le musiche italiane (brutte) dell’epoca, un continuo frammentarsi del mondo narrativo e cronologico del personaggio come se fosse un puzzle incoerente a cui non bisogna dare coerenza ma nel quale bisogna cercare tutti i particolari per dare un senso alle decisioni e alle sfaccettature del personaggio e la funerea resa degli ambienti bianchi e neri, mai veramente sporchi ma sempre puliti solo fuori: tutte queste sono caratteristiche che danno al film di Pietrangeli l’aria di un capolavoro, un capolavoro misterioso e innovativo, in cui la donna «bella ma vuota» viene svuotata sia della bellezza sia della stessa vuotezza con una magia che solo il cinema può fornire. Disperazione e caos diventano cultura popolare prima del risorgere della cultura popolare e prima del ’68. E vi par poco?

(continua)

3

filirossi13_7

Non aggiungerà niente a Pietrangeli, ma Fernando Di Leo nel 1978 ha scritto e diretto Avere vent’anni, un film che ha affrontato in anticipo i contenuti trattati sia da Thelma & Louise (1991) di Ridley Scott sia da, sempre, Spring Breakers, con i ritmi della commedia erotica ma anche sottolineando una componente prima politica e poi pessimista e cupa, violenta. E nel ’78 si poteva probabilmente già parlare di film pop… canzonette sceme, inserite addirittura a mo’ di musical, due protagoniste popolari nell’ambiente dell’epoca (Lilli Carati e Gloria Guida, che in una scena censuratissima si danno all’amore saffico per scaricare la tensione), un po’ di hippy e un finale crudele, inaspettato, ma che poi, se ci si pensa, non è affatto incoerente con la concezione con cui vengono mostrati i due personaggi protagonisti: come direbbe (testuali parole) Di Leo «sono solo due ragazze che vogliono scopare», ed il loro solo essere tali giustifica e rende ancora più disturbante la conclusione, glorificando ancora di più e ancora più ironicamente la conclusione opposta di Spring Breakers, perché l’immedesimarsi con la futilità di un pensiero e riuscire a rendere raggelante ciò che lo circonda sottolineandone la futilità è un lavoro che pochi sono riusciti a fare decentemente.

filirossi13_8

Si può qui concludere con Mary is happy, Mary is happy (2013) di Nawapol Thamrongrattanarit, commedia pop thailandese costruita attorno alle (vere) centinaia di tweet di una ragazzina thailandese, Mary. I ritmi sono godardiani, la commedia è folle, ironica e insensata come quella di un film dei Coen o di Roy Andersson o dei Monty Python. Però è un film reale sul punto di vista di Mary, quanto lo può essere La ragazza del bagno pubblico per il giovane protagonista skolimowskiano, e sulla ricerca del bello nella realtà e nella vita quotidiana di una persona così normale da essere irreale. Tante citazioni metacinematografiche (a Wong Kar-wai, a Godard, a Weerasethakul), tanti deliri pop. È discontinuo, ma anche in quanto tale è quanto di più postmoderno e intenso si possa vedere in un panorama cinematografico altrimenti autoconcluso e posto/disposto al futuro. È semplice e va visto come tale senza esagerare in spiegazioni e confusioni.
Proprio come l’influenza della cultura popolare sul cinema, un’influenza così forte da renderla la migliore maniera per filtrare la visione del presente in un mondo che, anch’esso, diventa sempre più pop per conto proprio.

7isLS

Scuse per disdire un invito

scuse

Lettore, leggi la scenetta e risolvi la situazione, o modificala, con le maniere migliori che riesci a pensare. Anche se non mi hai mai scritto, comincia ora. Inviami il tuo testo entro domenica prossima. Saranno gradite anche citazioni stimolanti sull’argomento. Le risposte migliori verranno pubblicate nella vetrina entro il lunedì successivo. Alla fine dell’anno «scolastico» si vincono altri tre libri (i primi tre sono stati già vinti e spediti), assegnati a suo capriccio da uno dei curatori del sito.
(Nell’immagine:
Scuse di Arthur Khachaturyan).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Nadia è invitata stasera alla festa di compleanno di Luca. È contenta di andarci, sa che vi troverà tanti cari amici. Il regalo per l’amico è già pronto, incartato e infiocchettato, sul suo tavolo. Ma ecco che squilla il telefono. Un’amica le offre un biglietto dell’ultima ora per uno spettacolo a teatro decisamente imperdibile: una compagnia sperimentale di fama mondiale in tournée nella sua città recita con pochissime repliche il Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare. Nadia aveva tentato un mese fa di comperare un biglietto per questo spettacolo, ma era già troppo tardi. Ora non ha dubbi: accetta il biglietto e ringrazia calorosamente l’amica che ha pensato a lei.
Però adesso deve trovare il modo di comunicare a Luca, senza offenderlo, che non andrà alla sua festa. Dire la verità? Trovare una scusa?

Malta: una croce

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

A Malta la «croce di Malta» è onnipresente, ritorna persino, forse per richiamo inconscio, nelle luminarie di Natale e nelle prese d’aria delle case.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Del resto, la storia dei Cavalieri di Malta di cui la croce è simbolo occupa un posto importante nella cultura dell’isola ancor oggi, a distanza di secoli dalla fine del loro dominio: è una croce che ci tocca ancora portare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La sua forma è attestata in Amalfi dall’XI secolo ed era usata come «logo» dell’ordine monastico dei Cavalieri di San Giovanni anche detto degli Ospedalieri, che ad Amalfi ebbe origine. Costoro operavano a Gerusalemme prendendosi cura della salute dei pellegrini ma ben presto, a partire dalla prima crociata, si trasformarono in un ordine militare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Cacciati da Gerusalemme, si rifugiarono dapprima a Rodi, poi, nel 1530, ottennero Malta in feudo dall’imperatore Carlo V. Fino alla conquista napoleonica del 1798, quando furono scacciati, i Cavalieri di Malta furono i signori dell’isola. Malta fu una base importante delle azioni di guerra dell’Occidente contro l’impero turco e l’islam.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I turisti che tra qualche secolo visiteranno le rovine delle basi NATO d’Europa ne trarranno probabilmente le stesse impressioni che suscitano al visitatore contemporaneo le tante vestigia lasciate a Malta dai Cavalieri di San Giovanni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Usa / Nsa

sicurcosa_usa_nsa

Non so se avete presente la sigla iniziale della Pixar. Sì, dai.
Non so se avete presente la Nsa, l’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Usa che, in nome della poc’anzi menzionata sn, calpesta i diritti di chiunque (di chiunque non sia al governo, neh) ritenga un pericolo per la madrepatria.
Ecco.

(Via Brondybux).

Vetrina: ricevimento di 4 ore con 30 persone

La vetrina di questa rubrica presenta le migliori risposte dei lettori sull’argomento della settimana precedente. Il mio contributo è una citazione, presa da uno dei tanti manuali di etichetta. Valuterai tu se la sentenza citata getta una luce che avvia a una soluzione o spinge invece verso un conformismo cieco.
Non è necessario partecipare ogni settimana, ma alla fine dell’anno «scolastico» i lettori più brillanti e costanti riceveranno in dono un libro offerto dalla redazione di daParte, come di consueto. Quindi, scrivetemi!
(Cliccate sulle linguette delle schede per proseguire. Il video in apertura è The Last Supper,
Bhoothathe Kandittundo Song, e il curatore del sito ha deciso di usare questo video per commentare la vetrina un po’ per via delle estati indiane della maestra, un po’ perché: guardatelo. Non sono teneri?).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Soluzione

A 10; B ½; C 1/3; D     3: E 2: F 5; G 5; H 1,5; I 1,5; J 1,5; K 4; L 3

(Vera Rossi Lodomez, Ada Salvatore,
Grazie sì grazie no, Editoriale Domus, Milano 1953, pp. 275-276)

Vetrina

Elena Trabaudi
Premetto che è praticamente impossibile sapere quanto siano grandi i piatti, come siano i sandwiches, le paste e le torte, quindi si può solo provare a dare delle quantità tutt’altro che oggettive.
Calcoliamo circa 10 pezzi a testa tra salati e dolci; e da ¾ di litro a 1 litro di bibite a testa se si balla (a me verrebbe molta sete). Mettiamo 6 piatti grandi di sandwiches e tartine, 5 grandi torte, 4 piatti di paste e 3 di petits fours. Poi prepariamo  4 litri di caffè ghiacciato, 3 litri di gelato o sorbetto, 2 litri di cioccolata; inoltre, a parte il tè, 20 litri di bibite e 6 bottiglie di spumante.
E poi, buon divertimento, buon ballo e…buon appetito!

 

Francesca Taddei
Il testo non dice alcune cose importanti: se i 30 invitati sono tutti adulti o ci sono bambini; se si tratta di un rinfresco pomeridiano (quindi di una merenda) o di un ricevimento che sostituisce un pranzo o una cena; se siamo in una stagione calda o fredda.
Queste nozioni sono fondamentali, perché ovviamente se è estate si aumenteranno bevande e sorbetti a discapito dei cibi più stopposi; viceversa saranno ridotti al minimo i gelati in inverno. Così come se abbiamo 30 adulti dobbiamo sicuramente incrementare le dosi rispetto a un gruppo misto di adulti e bambini, soprattutto se molto piccoli. Infine, per una merenda l’ospite si aspetterà più che altro stuzzichini e bevande, per un pranzo o una cena (anche se in piedi) vorrà invece mangiare qualcosa in più.
In generale al giorno d’oggi – fra diete, allergie, intolleranze, problemi come diabete e colesterolo, scelte etiche vegetariano-vegane – è preferibile non eccedere nelle quantità e prevedere piuttosto qualche opzione light, senza glutine e vegana.
Comunque proviamo a fare una media. Ciascuno dovrà avere nel piatto almeno un paio di panini e 3-4 tartine; e qualche pezzo delle altre piccole cose. Da bere calcolerei tra mezzo litro e un litro a testa. Quindi in totale:

7-8 piatti grandi di tartine e sandwiches
3 grandi torte
5-6 piatti tra biscottini, frutta secca ecc
20 litri circa di bevande varie (+ acqua illimitata, fondamentale come emergenza se finiscono le altre bevande)
6 litri di sorbetto (in modo da riempire un flȗte a testa); qualcosa di più di gelato in estate
4-5 bottiglie di spumante
Il caffè in Italia va sempre proposto non in caraffe, ma singolo e preparato al momento su richiesta.
Eviterei del tutto la cioccolata calda, che al giorno d’oggi ha senso solo per una merenda in una baita montana in pieno inverno.

 

Rosa
La festa di Rosa.
Il problema dei trenta invitati e delle quantità di cibo da preparare è di difficile soluzione nel mio caso. Infatti ci saranno 9 giocatori della squadra di rugby  dell’università, che arriveranno dopo la partita (han promesso di far la doccia prima di venire, non come l’altra volta).
Ci son poi cinque ragazze tutte anoressiche controbilanciate da quattro bulimiche. Le altre ragazze son tutte a dieta. Loro sono affidabilissime in questo senso: resistono a tutto (tranne che alle tentazioni).
Luisa poi viene sempre con  Sansone, il suo alano che non si può non considerare quando in casa gira del cibo…..
Per casa poi passerà ad un certo punto  anche mio padre  che sull’argomento dolci di carnevale e liquorini è una variabile impazzita. E di nascosto da tutti  lui si fa pure  il doggy bag.
Infine la custode con il suo  bambino ed il suo compagno di scuola, se c’è una festa , sicuramente trovano un motivo per consegnarmi quel pacchetto arrivato alla mattina….qualcosa devo offrirgli.
Ultima non ultima, nel conto ci sono anch’io che ho già fame adesso. Oddio, come si fa questo calcolo del cibo da preparare?
E’ l’occasione per chiamare Leo… è sempre una buona occasione… Leo è bello e intelligente… studioso di matematica ed informatica… sicuramente mi prepara un bel calcolatore per cibo da feste, da mettere online sulla mia pagina Facebook.

 

Luciano Madrisotti
Mi è difficile dare risposte serie, essendo per natura portato ad esagerare! Comunque, frenandomi, direi: 4 pezzi a testa di tartine, da un litro a mezzo di bevande a testa a seconda se si balli o meno. Quindi: 6 vassoi di sandwiches etc. per 120 pezzi in totale, 4 torte grandi, 4 vassoi di piccola pasticceria, 4 di pralines etc, 4 litri di caffè freddo, 4 litri di gelato, da 10 a 15 litri di bevande analcooliche, 10 di vino spumante. Che mi si perdoni per il misfatto compiuto!

7isLS pronostica i vincitori degli Oscar 2015

7isLS profeta oscaro

Una lista dei principali premi Oscar secono le previsioni del nostro 7isLS.
Chi vuole può verificare quanto capisca di cinema il più valente critico di celluloide e dintorni con il cognome numerico che finisce per is.
Risposta rirovesciata e scoperta: ne sa parecchio.
Commento però: mi dispiace per PTAnderson, anche se lì è stata una mossa di cuore ad assegnare la posizione (a mio avviso).

Ricevimento: 4 ore, 30 persone

the-buffet-jl-forain

Lettore, leggi la scenetta e risolvi la situazione, o modificala, con le maniere migliori che riesci a pensare. Anche se non mi hai mai scritto, comincia ora. Inviami il tuo testo entro domenica prossima. Saranno gradite anche citazioni stimolanti sull’argomento. Le risposte migliori verranno pubblicate nella vetrina entro il lunedì successivo. Alla fine dell’anno «scolastico» si vincono altri tre libri (i primi tre sono stati già vinti e spediti), assegnati a suo capriccio da uno dei curatori del sito.
(L’immagine è
Il buffet di Jean-Louis Fourain).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

L’esercizio di questa puntata consiste nel saper dare una stima della quantità di cibi e bevande necessari per ricevere una trentina di ospiti per quattro ore, in occasione ad esempio di una festa di laurea, di compleanno, di battesimo. La soluzione, tratta da un manuale italiano degli Anni Cinquanta, ti farà scoprire se sarai stato capace di mantenerti nel giusto mezzo tra la meschinità e lo spreco.
Inserisci numeri adeguati al posto delle lettere nel testo che segue.

Pensiamo sia di grande aiuto alla padrona di casa avere sottomano uno schema medio di preparazione per un buffet di una trentina di persone. Su questa base si potranno fare molte varianti a seconda delle proprie possibilità, dei propri gusti, delle abitudini della città o della regione in cui si vive. (…) Per una riunione della durata di circa quattro ore, preparate senza meschinità come senza spreco, in modo che alla fine i piatti appaiano sguarniti ma non assolutamente vuoti, ciò che fa sempre una pessima impressione: una media di circa (A) pezzi a testa fra sandwiches, tartine, bouchées, petits-fours, marrons-glacés, ecc. In quanto alle bibite si calcoli da (B) a (C) di litro a testa se si balla, quantità che può essere ridotta quando non si balli.
(D) piatti grandi di sandwiches e tartine diverse
(E) grandi torte
(F) piatti di biscottini, choux, éclairs (cannoncini, sfogliate, ecc)
(G) piatti di petit-fours diversi (noci, prugne, datteri farciti, fondants, marrons-glacés, mandorle pralinate, ecc.)
Litri (H) di caffè ghiacciato
Litri (I) di gelato o sorbetto
Litri (J) di cioccolata

(K) litri di aranciata, limonata, sciroppi diversi
(L) bottiglie di spumante

L’arte di strada sui muri di Parigi: artisti su commissione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le autorità parigine hanno dimostrato grande apertura mentale e buona sintonia con la cultura contemporanea nell’invitare rispettati artisti di strada a decorare alcuni luoghi della città.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Uno di questi è il parco principale di Belleville, che domina dall’alto il quartiere e tutta la città.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E così Parigi si conferma nella sua vocazione storica di culla delle avanguardie e patrona delle arti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

A martedì prossimo… da Malta!

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito