Hetty Green (1834-1916)

hettyreen

hettygreen2

La più grande avara di tutti i tempi.

Miliardaria che portò seco accanita cupidigia, detta
La Strega di Wall Street.

Ereditiera ed imprenditrice, fu la donna più ricca d’America al primordio del secolo ventesimo.

Donna scellerata, bramosa e disordinatamente avida anche a danno dei più indispensabili bisogni.

Sobria nel cibarsi, rubava gli ossi ai cani e il latte dai tegami dei gatti.

Visse negligentemente cascante in povera e vile apparenza.

Vestiva i figli di giacche e scarpe di carta, nutriti di bacche e briciole di biscotti colte sotto i divani.

Sordida pilorcia, conservò i suoi beni con diligenza e temperanza in acquistare.

Quando il primogenito Ned rovinò sul pietrisco forandosi un calcagno, patì grave ripugnanza nel rimunerare un trattamento medico, lasciando guastare la lesione fino all’amputazione dell’arto.

Il povero Ned ebbe poscia in donativo dalla madre un tappo di sughero, da usare come protesi.

Malata di enfiamento delle viscere, preferì agonizzare in nosocomio che pagare l’operazione per scampar dal capestro.

Morì di colpo apoplettico per aver perso un francobollo da 2 centesimi.

Vegliarda procliva al martirio.

Salda nel proposito tra le peripezie dell’umana vita.

Tenace di ciò che trasse, fu battaglia continua e fiera.

Sancane
(Altre rimembranze d’eroi e fatti diversi?
Visitate il suo sito)

Fili rossi #5

filirossi5_1

Di fronte alla grandezza di Love exposure (2008) non si può far altro che commuoversi: un’epopea sentimentalista del postmodernismo, condita con metacinema e satira al punto giusto. Banalizzando: c’è poesia, c’è divertimento, c’è tutto. C’è anche un meraviglioso senso dell’eccesso, nell’organizzazione caotica del mondo che Sion Sono ha creato nel suo massimo capolavoro: l’eccesso di citazioni, l’eccesso di violenza, di riferimenti comico-sessuali, anche di contenuto religioso nonostante il tutto sia trattato con ironia e distacco (emozionato). Perché l’Odissea di Sono è un’Odissea culturale ed artistica, ma anche avanguardistica; lo sguardo dell’autore giapponese forse è diretto parzialmente verso un genere, un mondo culturale, chiamato avant-pop, scaturito dal postmodernismo e caratterizzato da una overdose di riferimenti alla cultura pop più moderna e/o giovanile (videogiochi, cultura di internet e fumettistica, anche il cinema stesso o la musica volendo) reinterpretati in modo da essere adeguati al contesto artistico nei quali vengono inseriti.
Chiaramente non si può ridurre Love exposure ad uno scheletro puramente e solamente avant-pop: è il più grande poema individuale e visuale del primo decennio del terzo millennio per il suo contenuto. Però è indubbia la sua influenza da parte della cultura popolare, soprattutto nella prima parte (più comica) del film, che riprende gli stereotipi dell’adolescente da serie animata comica giapponese e lentamente li destruttura, li mette a nudo, li mette alla berlina e li rende innovativi e geniali.
(Cliccare sulle linguette per proseguire nella lettura)

1

filirossi5_2

L’esempio più blando e bello di pur(issim)o avant-pop penso sia Scott Pilgrim vs the World (2010) di Edgar Wright, l’autore della trilogia del cornetto. Questo è semplicemente perché questo meraviglioso cinefumetto, primo film su commissione diretto dal regista britannico, parte da una base (un fumetto, appunto, del canadese Bryan Lee O’Malley) che a sua volta era un manifesto dell’avant-pop, per il mix di citazioni (soprattutto musicali), riferimenti nella struttura narrativa al mondo del videogioco eccetera.
Forse a causa dello stile troppo semplicistico di O’Malley – anche se non potrebbe essere altrimenti – il film è superiore alla serie di graphic novels da cui è tratto, superandole in eccessi grazie alla sua natura multimediale: può contenere più musica, più film, più fumetto e più videogioco di una qualsiasi pagina di carta.
Tra le gag potentissime che hanno come protagonista la folle espressività caratteristica di Michael Cera, il viso dolce ed innocente (?) della Ramona di Mary Elizabeth Winstead ed altri volti già di culto, abbiamo alcuni momenti geniali come la polizia vegana, le freddure sulla «L word» e l’omosessualità «contagiosa» dell’esilarante coinquilino di Scott Pilgrim, Wallace Wells, interpretato da Kieran Culkin, fratello del protagonista di Mamma, ho perso l’aereo! (1990), Maculay Culkin. Lo stile esageratissimo è atto a mostrare una visione adolescenziale, quella del protagonista, e quindi è a suo modo introspettivo nella sua follia colorata.

filirossi5_3

La comicità pseudo-demenziale dei film di Wright (sia Scott Pilgrim che la «trilogia del cornetto») ha senza dubbio già cominciato ad influenzare la comicità delle commedie cinematografiche moderne, e ne abbiamo un esempio con Facciamola finita (2013) di Evan Goldberg e Seth Rogen, esilarante pellicola americana che riapplica una trama molto simile a quella di La fine del mondo (2013), uscito pochi mesi prima, al cast e al mondo di Strafumati (2008) di David Gordon Green e Superbad (2007) di Greg Mottola, commedie americane divertenti e simpatiche ma con un rigore ed una «profondità» imparagonabili a quella di Facciamola finita.
Questa, con il pretesto narrativo dell’apocalisse, disegna un ritratto sarcastico e metacinematografico del mondo di Hollywood, con attori che interpretano delle reinterpretazioni di sé stessi, con gli aspetti negativi spinti al massimo: Michael Cera è un cocainomane nevrotico e viziato che tutti odiano, Jonah Hill è così buono da sembrare che faccia sempre finta, James Franco e Seth Rogen sono amicissimi e profondamente fattoni (e quest’ultima categoria comprende anche il personaggio di Jay Baruchel, vero protagonista), Craig Robinson è l’incarnazione di tutti gli stereotipi comici del «negro grasso» americano, Danny McBride è il cretino più esagerato ed esageratamente grezzo del pianeta (oltre che la principale fonte di risate per tutto il film) ed Emma Watson è una specie di maschiaccio.
Anche qui si trova una sorta di logica avant-pop: non si contano le citazioni musicali (da Dr. Dre ai Black Sabbath passando per DMX, i Cypress Hill e i Backstreet Boys) e le virate nel caos multimediale à la Scott Pilgrim, con frapporsi continui di logiche appartenenti a generi diversi, come una matryoshka di film nel film in cui i vari film contenuti nella grande matryoshka di Facciamola finita sono tutti film comici profondamente simili tra loro ma nel contempo profondamente diversi. L’anarchia visiva e contenutistica, oltre che le relazioni interpersonali spinte ai limiti del piattume (o ai limiti dell’enfatico, nel finale geniale!) aiuta a comporre una bellissima commedia di Cinema sul Cinema e sull’assurdità della vita. Forse. O forse no.
Anche se James Franco che spiega a Jay Baruchel perché a tutti piace l’arte è un momento altissimo di presa in giro autoironica degli stereotipi hollywoodiani: «Non ti piace l’arte? Sei mai stato da Subway, hai preso un panino? Quella è arte? Tu, quando sei nato, il cazzo di tuo padre era il pennello, la figa di tua madre la tavolozza, ed eccoti. TU sei l’arte.» «Grazie, James Franco», risponde Jay balbettando imbarazzato.

filirossi5_4

È indubbio poi quanto l’Avantpop sia una corrente che ha influenzato il più incensato e amato regista americano vivente, Quentin Tarantino, un autore di cui amo quasi tutti i film ma anche un uomo che io non sopporto, più per quanto è mitizzato che per quello che è. Ha creato il suo Cinema d’intrattenimento, influenzando sin da subito gli altri registi americani (e non solo) con uno stile tutto suo, postmoderno al massimo, ma è assurdo che sia così amato da tutti a prescindere, senza logica, come pura adorazione, come se fosse il miglior regista di sempre, o come se non avesse fatto un brutto film in vita sua.
Ne ha fatto, per me, uno: Grindhouse: a prova di morte (2007), che è tra l’altro il suo film più avant-pop, dopo Kill Bill (2003-2004). Come mai? Grindhouse, con la sua bellissima colonna sonora e le sue potentissime scene d’incidente, è un vacuo esperimento di ricerca, di attesa, di carenza di sguardo, puro tributo (sì, postmoderno) ad un Cinema specificatamente brutto che non c’è più e che era meglio se non c’era più. È così inutile ed irritante nella sua carica masturbatoria da essere inferiore alla sua controparte di Rodrìguez (Grindhouse: Planet Terror, 2007), regista che solitamente ha molto meno da dire del collega italoamericano. Eppure si nota in A prova di morte il tentativo disperato di rendere intrattenente o bello un mondo vuoto e poco interessante semplicemente condendolo con, appunto, cultura pop — oltre che con una regia che è, in effetti, stellare, come sempre. Ma non bastano quelle quattro «pennellate tarantiniane» di genio registico (la scena di lap dance, i due incidenti d’auto e la scena in ospedale) per comporre un bel film.
(continua)

2

filirossi5_5

Ma se A prova di morte è un risultato bassissimo anche a causa della carenza di controllo nel far sposare la regia con il contenuto (o, meglio, la sua totale assenza), mi verrebbe da dire che è paradossale che in un film sotto certi punti di vista ancora più privo di controllo la formula avant-pop funzioni: si tratta di Kill Bill, il film di quattro ore (diviso in due volumi) che tutti conoscono e amano.
Nonostante sia comunque il film del regista che apprezzo di meno dopo A prova di morte, ne è indubbia la qualità registica e visuale, la capacità di reinterpretare il genere d’azione orientale al servizio di un mondo tutto suo che è generalmente conosciuto più di quello dei film da cui trae ispirazione. Le scene d’azione splatter del primo volume, la tensione western del (più pacato) secondo: pare tutto in equilibrio! E anche qui ci sono le «pennellate tarantiniane» di pop americano o estero profondamente connesse con la bellezza del tutto, tra lo spezzone «anime» del primo volume (l’apice di entrambi i film) e le scenografie desertiche del secondo.
Purtroppo Tarantino tratta la storia con un’emozione che traspare dal suo legame affettivo con la storia che vuole raccontare, e si nota che quindi i sentimentalismi e i momenti più intensi del film sono legati al personaggio di Tarantino più che ai personaggi interni alla storia. Ciò che ne rimane è un prodotto confezionato in maniera meravigliosa ma che anche qui dice solo insulsità poco emozionanti da un punto di vista contenutistico, perché l’emozione (leggi: il divertimento) sta puramente nella forma; ovviamente però è da vedere e rivedere.

filirossi5_6

Non è un caso che Tarantino, a Cannes 2003, abbia detto che Oldboy, filmdi Park Chan-wook che quell’anno vinse alla croisette il premio della giuria, è il film che lui avrebbe sempre voluto fare. Questo semplicemente perché Oldboy è un film condito con postmodernismo ma allo stesso tempo con «postclassicismo”» ed è privo della patina di avant-pop con la quale spesso il regista italoamericano fa stroppiare il troppo.
Oldboy, infatti, è il più celebre film sudcoreano di tutti i tempi, un thriller la cui ricetta mischia le arti marziali alla tragedia greca e ne condisce gli ingredienti con un’estetica piena di intuizioni registiche che rimandano alla ricerca del Bello, anche nello squallore del Brutto. Violenza, angoscia, e bellezza: scene di tortura, scene di prigionia, scene di sesso dolorosissime. È tra i film più belli del decennio a cui appartiene per come riesce a coniugare e a bilanciare alla perfezione ciò che è bello e ciò che è disturbante, con una sorta di romanticismo malato che ha i suoi apici in un quintetto di scene emozionanti e in altre scelte cromatiche contrastanti.
La natura decisamente innovativa del Cinema della «bella violenza» di Park (sviluppata successivamente dallo stesso regista con risultati di varia qualità) finisce così per comporre un cult, forse un capolavoro, destinato a segnare le esperienze cinematografiche di molti, pregno di un genio superiore rispetto a quello di, probabilmente, tutti i film di Tarantino.

filirossi5_7

Mi verrebbe da paragonare Oldboy a Hana-bi (1997) di Takeshi Kitano, e fare un paragone tra l’autore nipponico, chiaramente il discendente diretto e necessario dell’intimismo dei migliori film del terzetto dei più grandi registi giapponesi di tutti i tempi (Ozu, Kurosawa e Mizoguchi), e il succitato Park con la sua «trilogia della vendetta» di cui Oldboy è il membro più celebre e apprezzato – anche dal sottoscritto. Del resto, sia Kitano che Park riescono a fare ironia sulla violenza e a trovare un’estetica dell’innocenza e del colore (sgargiante!) ma anche del melodramma dietro storie di crudeltà ineguagliabili.
Hana-bi, la vetta assoluta di Kitano ed uno dei migliori film degli anni ‘90, è perfettamente rappresentativo a riguardo: ha la scena di rapina più efficace ed esilarante di sempre, un finale strappalacrime, un paio di scene violentissime e tocchi visivi cromatici molto raffinati, come la scena dei quadri, di intensità rara e di amore per l’arte particolarissimo.
Kitano spesso finge di essere freddo, con le sue virate improvvise negli stereotipi dello yakuza-movie -giustamente solo sfiorati, nei suoi migliori film- ma grazie al suo stile dona grazia o dramma anche all’omicidio più brutale, e senza per questo rinunciare alla sua cupezza o alle sue ossessioni.
(continua)

3

filirossi5_8

È impossibile affrontare l’avant-pop senza nominare Harmony Korine, il regista che con Spring breakers (2012) ha filmato l’estetica (e, per me, discutibile) dell’apocalisse quotidiana con una lucidità adolescenziale e malsana tale da trovare il giusto compromesso registico con un mix tra videogioco, videoclip, fumettone, porno, film di Malick (nell’uso delle musiche di Cliff Martinez e delle voci narranti) e film di Godard (montaggio privo di una cronologia fissa).
L’apice di Korine è però probabilmente Gummo (1998), pellicola che il regista ha diretto all’inizio assoluto della sua carriera come sfogo della propria rabbia giovanile, mostrando agli spettatori il proprio sguardo disilluso verso una società sporca e pessimista.
All’epoca Korine era tossicodipendente (non mi stupirei se lo fosse ancora…) ed in ogni caso aveva sicuramente problemi psicologici non da poco, ed il film è interessante proprio per questo, per come il suo sguardo sia malsano e osservi il malsano. È un film di contrasti ed apparenti incoerenze: corrotto e innocente, incorruttibile e violento, antirealista e grottesco, satirico (sul sociale) e realistico, tutto allo stesso tempo.
La follia di Korine consiste nel gestire l’interezza del progetto senza un piano preciso, servendosi molto dell’improvvisazione, anche per aumentare la follia, e di primi piani allucinati (ed è assurdo scoprire che non sono stati deformati…). Il risultato è surreale, ma fa riflettere sulla condizione mentale dei giovani di quella generazione e anche delle generazioni di giovani di oggi. Non è quindi troppo misterioso il perché Korine sia andato quasi subito sotto l’ala protettiva di Werner Herzog…

filirossi5_9

Concludo con un capolavoro che arriva qui come una sassata: non per la sua pesantezza ma per la sua diversità rispetto a tutti i film precedenti, e questo film è Io e Annie (1977) di Woody Allen. Proseguendo, però, la linea dei film prima nominati, forse Io e Annie, in questo delirio mistico, è proprio il tassello mancante: dall’epopea poetica dello sviluppo psicologico dell’individuo moderna (con violenza postmoderna sempre in agguato) di Love exposure al «punto di vista» interno/esterno della cinematica postfumettistica di Scott Pilgrim vs. the World, ricollegabile a niente se non al senso comico anarchico ed umanista di Facciamola finita, diluito malsanamente nel mare del genio stilistico del Tarantino meno interessante, con i suoi desideri più profondi ed estetizzanti (Oldboy) che a loro volta assomigliano al mondo intimo di un qualche Hana-bi.
Mancavano giusto lo squallore giovanile di Gummo, che completasse la comicità (speranzosa o no) appartenente sia al film di Sono che a quelli di Wright, Goldbergh e Rogen, e lo sguardo dell’intellettualoide genio, capace di reinterpretare la violenza interiore con la comicità.
Una comicità apparentemente demenziale che per Woody Allen è un manifesto poetico e soprattutto versatile, multimediale (si giunge anche al cartone animato), in cui il regista sfonda la quarta parete parlando con il pubblico, interagendo in maniera innaturale da un punto di vista narrativo con le comparse del suo stesso film, infrangendo regole e anarchie e così perfezionando lo stile registico dell’allenismo: quadrato e sobrio nella sua follia sovreccitata ed isterica, ma pacato nel romanticismo, agrodolce nel finale, satirico nel particolare, profondissimo e commovente nel totale.
Io e Annie forse appartiene ad una sorta di (termine paradossale) proto-post-modernismo proto-avantpop, e proprio per questo è il film di Allen che è invecchiato meglio e che è meglio applicabile a qualsiasi contesto. È il suo film migliore (cosa che ho realizzato troppo dopo aver scritto qualcosa a riguardo del regista), ed è la vittoria di uno sguardo ironico che è perfetto per ogni situazione, interna al film ed esterna. Peccato che non duri per sempre.

7isLS

Aldo e Federica

aldoefederica

Lettore, leggi la scenetta e risolvi la situazione, o modificala, con le maniere migliori che riesci a pensare. Anche se non mi hai mai scritto, comincia ora. Inviami il tuo testo entro domenica prossima. Saranno gradite anche citazioni stimolanti sull’argomento. Le risposte migliori verranno pubblicate nella vetrina entro il lunedì successivo. Alla fine dell’anno 2014 si vincono tre libri, assegnati a suo capriccio da uno dei curatori del sito.

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Aldo e Federica sono andati al cinema insieme. Ambedue sono appassionati di cinema realista francese. Federica ha avuto molti amori ma Aldo è sempre stato per lei solo un amico. Lo trova un buon compagno con cui fare esperienze culturali e bere un bicchiere, ma non un possibile amante. Del resto, anche lui non si è mai innamorato di lei. Oggi però c’è un tono nelle parole di Aldo che Federica non aveva mai sentito. All’intervallo lui le chiede:
«E gli amori, come vanno? Chissà quanti cavalier serventi devi avere».
«Io? Perché? Sì, ho due corteggiatori, ma, pensa, non so scegliere tra i due».
«Due? E io poveretto che sono single! Del  resto capisco…»
«Cosa capisci?».
«Ma non ti vedi, Federica? Tu trasudi sesso. Lo credo che gli uomini sono attratti da te come le api dal miele».
Dicendo questo, Aldo prende la mano di Federica tra le sue.
Cosa deve pensare la donna del suo cavaliere? Si tratta di una profferta d’amore, di un discorso tra amici, di un gioco tra appassionati di cinema? E come proseguire?

Scoiattolo!

scoiattolo«E così, oggi, ci vengono persino a dire che il “Partito Democratico” avrebbe “superato la DC”; scordando magari che, nei suoi tempi migliori, la DC arrivava fino al 38% ma con l’85 o il 90 per cento dei votanti. Il “PD” ha preso il 40% del 57,22%».

Ἐκβλόγγηθι Σεαυτόν

 

In effetti con le interfaccine frizze delle Principali Testate Giornalistiche™ si arriva più agevolmente alle percentuali del Südtiroler Volkspartei a Chiappincolle Ionico che ai dati di affluenza (una raffinata tecnica di analisi elettorale nota in letteratura come Scoiattolo!).

Autolesionistra
(quando la sinistra si fa malissimo)
(se cliccate sul suo nome e sfogliate vi fate benissimo)

Rastellino (1340-1381)

rastelllino1

rastellino2

Sventurato giullare alla corte dei Visconti milanesi, imposto a tenere allegre le brigate con arti da sollazzo ed ogni maniera di piacevolezza.

Represso ai capricci ed alle bizze dei suoi patroni, fu giornalmente torto e dileggiato con rara crudeltà.

Definito dall’ira ostinata dei despoti:
«Una bestia maliziosa, sozza, nociva, porca e viziosa».

Tormentato di spregi, non potendo far testa alle opere atroci di cui era bersaglio, nel 1376 fuggì da Milano per rifugiarsi a Mantova presso i Gonzaga, un quale ambasciatore gli aveva promesso via di fuga ed asilo politico.

Dopo una romanzesca evasione ed un cammino ispido di repentagli, il povero Rastellino si accorse che la sua fuga era ordita dagli stessi malcreati Viscontèi, per beffa sprezzante.

Alla corte di Mantova trovò Bernabò Duca di Milano sbellicato dalle risa, che lo staffilò col trebbio da grano e lo rispedì a casa in queste condizioni:
«Placeat jubere ipsum ligatum subtus unius asini cum manibus retroligatis nobis trasmitti», ovvero penando un viaggio di tre giorni legato sotto la pancia di un asino.

SPIRITOSI

«Il riso, in questa vita, è una specie di ebollizione della stoltezza».

La stoltezza giunge al bollore della concupiscenza, mentre il buffone soffia su quel fuoco il vento della vanità.

GIUSTO

Sancane
(Altre rimembranze d’eroi e fatti diversi?
Visitate il suo sito)

Chios: l’abbandono / 1

Vounos serratura_MOD LIGHT

Il villaggio di Vounos presenta ingenti tracce di abbandono, abbondanti segni di un antico splendore oggi perduto.

Vounos costruzione MOD LIGHT

Tra i segni della grandezza del passato ci sono gli artistici fregi sulle pietre, le architetture stesse, in stile medievale solido e aggraziato, e l’impianto urbanistico del borgo.

V si sgretola_MOD LIGHT

Se le case antiche sono tuttora abitate, tutto in esse è funzionale e vivo. Se invece, come è vero di molte, esse sono state abbandonate, tutto decade, persino le pietre di cui sono composte.

V edicola_MOD LIGHT copia

Il contatore dell’elettricità di cui da mezzo secolo nessuno paga più la bolletta ha il vetro rotto; il cartello con il nome di un vicolo è diventato illeggibile; la porta di legno di una casa è sbarrata, nel tentativo di conservare inviolato il suo interno, in assenza dei padroni.

Vounos fregio MOD LIGHT

(Le altre puntate: qui).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Vetrina: maschere di bellezza

mascherabellezzavetrina

La vetrina di questa rubrica presenta le migliori risposte dei lettori sull’argomento della settimana precedente. Il mio contributo è una citazione, presa da uno dei tanti manuali di etichetta. Valuterai tu se la sentenza citata getta una luce che avvia a una soluzione o spinge invece verso un conformismo cieco.
Non è necessario partecipare ogni settimana, ma a Natale i lettori più brillanti e costanti riceveranno in dono un libro offerto dalla redazione di daParte. Quindi, scrivetemi!
(Cliccate sulle linguette delle schede per proseguire. L’immagine proviene dal libro
Masquerade di Inge Morath & Saul Steinberg, pubblicato negli anni 1960).

Carla Muschio
Scrivimi e visita il mio sito

Citazioni

One-Night stand [una notte e via] (…) Una volta che siete in camera da letto, scordati tutta la routine di detergente, tonico, idratante che applichi prima di andare a letto. Lascia stare il trucco così com’è, lascia il pigiama nel cassetto. Dì quello che c’è da dire per evitare malattie e frutti dell’amore e avanti.

(tradotto da Fleur Britten, Etiquette for Girls, Debrett’s 2006, p. 123

Vetrina

Luciano
Non penso che il contesto proposto richieda grandi accorgimenti da parte della fanciulla. Questo amico, che cerca accesso presso l’amato bene perché dice di aver fame e non ritiene di suggerire un locale idoneo al dopoteatro, sarà gratificato con pane e salame e potrà ben accettare che l’amata concupita si bisunga con la miracolosa crema. Al più riterrà trattarsi di un intrigante gioco erotico!

Elena Trabaudi
Sono sicura che Natalia nemmeno ci penserà alla sua cura di bellezza; tanto più che, strano a dirsi, ha già dato i suoi frutti!
Piuttosto dovrà stare attenta a nascondere maschere e unguenti vari eventualmente lasciati in giro per casa, sulla mensola del bagno, ecc…Non sarebbe carino che Umberto scoprisse tutto il daffare che lei si è data per piacergli: si sentirebbe un po’ accalappiato, e questo, secondo me, farebbe passare la poesia a chiunque.

Francesca Taddei
Beh, direi che la cura di bellezza ha già sortito il suo effetto, quindi per quella sera si può tranquillamente soprassedere!
Natalia deve intanto gustarsi il momento; se vuole, dalla sera dopo può proseguire con qualche cura “di mantenimento” (anche per sfruttare il kit che ormai ha avviato e che sarebbe un peccato sprecare…). Ma soprattutto dovrà ringraziare la sua amica: il suo regalo ha avuto effetti superiori alle aspettative!

Lodovico
Va bene l’impulso romantico, ma un piano di restyling cosmetico come quello Natalia non lo butta via. Con un escamotage si chiude in bagno e seppur in formula un po’ ridotta applica quel che c’è da applicare. Lui Umberto stranamente non si mostra  così perplesso od ostile all’attesa. Ma perché? Anche lui ne approfitta, si infila nel bagnetto di servizio: no, non può interromperla la sua cura di crema antibrufoli.  E poi, cascasse il mondo, lui la sera i denti se li deve lavare e bene.

Filippo
Natalia è imbarazzata sul da farsi ed opta per un programma di minima: si metterà solo quella crema preziosissima all’uovo che conserva in frigorifero, chiedendo solo due minuti per sé. Apre il frigo, ma ahimè, il vasetto non c’è più….si volta ed eccolo là il vasetto, svuotato ed appoggiato  nel fondo del lavandino. Ora capisce  perché Umberto parlasse della maionese, «molto originale», trovata  nel frigo e che lei non ricordava proprio di avere comperato.

Rosa
La terapia estetica aveva fatto effetto, le creme non servivano più ed il segreto della bellezza probabilmente disvelato: la bellezza ci  veste quando ci sentiamo amati.

Le ciliegie parlano / Aimee Bender, Creature ostinate

bender_creatureostinate

In seguito, quando sarebbe diventato un navigatore provetto sulle onde dell’acqua dei loro corpi, avrebbe scoperto che quelle spalle larghe erano la cosa a cui pensava con più libidine e con più tenerezza. Quelle spalle larghe sarebbero state la cosa che avrebbe riconosciuto in mezzo a una folla se tutti avessero avuto dei sacchetti di carta in testa. Quelle spalle larghe le avrebbe sapute riconoscere da una parte all’altra di un oceano.

Ho idea che ultimamente nel genere racconto – che ho sempre faticato ad amare – viga una regola che induce l’autore a considerarsi quasi in dovere di scrivere quei racconti sempre e comunque sul filo del fantastico o fantascientifico.
Ho amato visceralmente la Aimee Bender di Un segno invisibile e mio, dove con estrema delicatezza e potenza era stata capace di illustrare, invece, una realtà spietata. E quella crudele e poetica di L’inconfondibile tristezza della torta al limone. In Creature ostinate – raccolta di racconti in cui sfilano personaggi reali e surreali – ho ritrovato solo una parte del talento che le riconosco.

Forse, in un certo senso, se una persona piange addosso a noi diventa nostra, almeno un pezzo, per sempre.

Gli incipit sono bellissimi e pieni di premesse e promesse, ma è in qualche modo nella «lunga» distanza che si (dis)perdono. Solo ogni tanto brillano stralci preziosi, ma non tanto da rendere giustizia a questi racconti, com’era successo per Grida il mio nome.
Tre ciliegie cilieginacilieginaciliegina.

Le ciliegie parlano
è un progetto di Giorgia e Gaia
dedicato a Italo Calvino
e a Francesco De Gregori.